rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
L'evento / Collepasso

Mario Perrotta con "In nome del padre" per Crita. Festival delle arti

L’attore in scena il 25 luglio, a Collepasso, per la rassegna itinerante dedicata al teatro, alla musica e alla danza

COLLEPASSO - Mario Perrotta è protagonista a Collepasso per una delle tappe della sesta edizione di “Crita – Festival delle arti”, rassegna dedicata al teatro, alla musica e alla danza, ideata e organizzata dalla cooperativa Ventinovenove, con la direzione artistica di Gabriele Polimeno e Mary Negro.

L’appuntamento è martedì 25 luglio al Palazzo Baronale, alle 21, (ingresso 10 euro) dove l’attore, regista e drammaturgo, quattro volte premio Ubu, porta in scena “In nome del padre” da lui scritto, diretto e interpretato, con la consulenza alla drammaturgia dello psicanalista Massimo Recalcati.

Capitolo della trilogia dedicata alle relazioni familiari, Mario Perrotta affronta il tema del rapporto padri e figli. In scena c’è un padre. Uno e trino. Niente di trascendentale: nel corpo di un solo attore tre padri diversissimi tra loro per estrazione sociale, provenienza geografica, condizione lavorativa. Sulla scena li sorprendiamo ridicoli, in piena crisi di fronte al “mestiere più difficile del mondo”. I figli adolescenti sono gli interlocutori disconnessi di altrettanti dialoghi mancati, l’orizzonte comune dei tre padri che, a forza di sbattere i denti sullo stesso muro, si ritrovano nudi, con le labbra rotte, circondati dal silenzio. E forse proprio nel silenzio potranno trovare cittadinanza le ragioni dei figli.

Il festival prosegue fino a settembre e farà tappa anche a Cutrofiano, Cursi, Erchie, Galatone e Specchia. Tanti gli ospiti che si alterneranno sui palcoscenici allestiti nei comuni della provincia di Lecce Mario Perrotta, Antonello Taurino, Luciano Trombetta, Sara Bevilacqua, Miro Durante, Giorgio Distante e altri. Tra i temi trattati relazioni familiari e identità mentre il claim che accompagna il cartellone di quest’anno è “Per Grazia Ricevuta”, che spiegano così gli organizzatori: “Siamo giunti alla sesta edizione della rassegna senza mai fermarci, nemmeno negli anni difficili della pandemia. In qualche modo ci sentiamo miracolati nonostante le incertezze e le difficoltà oggettive. Così abbiamo fatto voto: di conservare la bellezza, la grazia della gioia dell'incontro attorno al fuoco dell'arte”. Un ex voto, simbolo dell’edizione 2023, realizzato da Laboarti di Cutrofiano verrà consegnato in regalo a tutti gli ospiti.

“Crita – Festival delle arti” è una rassegna che mira a proporre un’offerta culturale e teatrale di qualità nelle aree più periferiche. Il nome “Crita” deriva da un termine tipico del dialetto locale che ha una doppia valenza: il “critare” è l’atto del gridare e del farsi sentire. Ma significa anche “creta”, argilla, materia tipica del territorio dalla cui lavorazione nascono manufatti artigianali che da sempre identificano il Salento dalle mille sfaccettature creative. Negli anni ha assunto un’altra valenza, ovvero trasformare i luoghi non usuali per il teatro o l’arte, vestendoli con “nuovi abiti” come le piazze, i frantoi, palazzi storici e altri, ospitando letterati, filosofi, musica da camera educando la comunità a viverli diversamente. Il primo artista a raccogliere la sfida fu l’attore e regista salentino, il premio UBU Mario Perrotta a cui si sono aggiunti in seguito Gianni Ciardo, Redi Hasa, Christian Di Domenico, Maria Mazzotta, Angela De Gaetano, Fabrizio Saccomanno, Franco Ferrante, Daniela Baldassarra, Mauro Racanati, Luciano Trombetta e molti altri.

Crita – Festival delle arti è una rassegna di teatro, musica e danza itinerante ideata e diretta da Gabriele Polimeno e Mary Negro, con la produzione della cooperativa Ventinovenove e il patrocinio della Legacoop Puglia. Partner della manifestazione: Comune di Collepasso, Comune di Cursi, Comune di Cutrofiano, Comune di Galatone, Comune di Specchia, Jata Aps e Petra Odv. Info: 353/4294041; 339/5745559; 329/3345515; daimon@29nove.com; www.29nove.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Perrotta con "In nome del padre" per Crita. Festival delle arti

LeccePrima è in caricamento