Martedì, 15 Giugno 2021
Elezioni comunali 2012

Centrosinistra al lavoro, la sfida a Perrone parte dal programma

Loredana Capone ha presieduto la prima riunione collegiale del dopo primarie. Salvemini assente "giustificato". Urbanistica, evasione tributaria, occupazione: queste le priorità della proposta di governo

 

LECCE - La coalizione di centrosinistra ha risposto con diligenza alla prima riunione programmatica collegiale promossa da Loredana Capone, la candidata designata dal voto del 23 gennaio. Tra segretari ed esponenti vari, si è notata una sola assenza: quella di Carlo Salvemini, che non ha partecipato per "impegni lavorativi sopraggiunti", come ha precisato la vice presidente della Regione ai cronisti nella sua segreteria politica in Piazza Mazzini. In rappresentanza di Salvemini - che sta lavorando alla costruzione di una lista forte senza simboli di partito - c'era però l'associazione di cui è presidente, Lecce2.0dodici, con Luca Ruberti. Presente invece la terza candidata delle primarie, Sabrina Sansonetti, dell'Italia dei valori.
 
Al termine dell'incontro, rigorosamente a porte chiuse, Loredana Capone ha sintetizzato in un comunicato gli asset strategici del programma con il quale ambisce a conquistare il governo della città, strappandolo al centrodestra. Una sorta di summa delle istanze già emerse nella campagna elettorale delle primarie, una bozza che serve a delimitare un terreno che andrà ulteriormente "concimato" con idee e progetti nelle prossime settimane, dalla mobilità ai servizi sociali.  
 
Al primo posto di questa lista delle priorità compilata nella riunione di oggi, la programmazione urbanistica partecipata, tema peraltro molto caro proprio a Salvemini che per un anno e mezzo ha battuto i quartieri della città con il suo laboratorio itinerante fino ad arrivare, nelle settimane scorse, a chiedere sulla scorta di altre città, la creazione di un Urban Center, idea che è molto piaciuta all'esponente del Partito democratico. "Non è una nicchia per pochi, né tantomeno una questione da convegno", scrive Loredana Capone. "L’urbanistica partecipata è una cosa seria che vede un lavoro comune e condiviso, da parte di tutti gli attori protagonisti della città, che confluisce nella co-pianificazione. Su questo punto l’amministrazione comunale è arretrata di quasi dieci anni. Soltanto ora, in piena campagna elettorale, la maggioranza di Palazzo Carafa si ricorda, infatti, di organizzare un convegno finalizzato a raccogliere le aspettative dei cittadini per un futuro di qualità". 
 
centrosinistra 001-2Al secondo punto, l'evasione tributaria da combattere "chiudendo la stagione dell’appalto a società private e riportando la gestione tra le competenze comunali". C'è poi l'annosa questione dei trasporti rispetto alla quale il centrosinistra ritiene "strategico assicurare il perseguimento degli obiettivi di sviluppo e di coesione sociale del territorio attraverso una mobilitazione permanente per il ripristino dell'offerta ferroviaria anche a costo di rivedere il contratto di servizio regionale con Trenitalia". 
 
Di particolare rilevanza la questione lavoro, sulla quale Loredana Capone si è molto esposta nei giorni precendenti al voto delle primarie, arrivando a ipotizzare 2mila posti di lavoro nei prossimi dieci anni nei settori della mobilità dei rifiuti, delle energie rinnovabili. "Una città non può esonerarsi dalle politiche per il lavoro altrimenti ammetterebbe una resa verso la durissima disoccupazione che in questo momento riguarda prevalentemente i giovani e le donne". Altro tema particolarmente a cuore alla vice di Vendola è il "progetto di una corona verde della città, una sorta di filtro tra una città in crescita e una campagna produttiva, nel pieno rispetto degli equilibri ecologici di entrambi i paesaggi".
 
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrosinistra al lavoro, la sfida a Perrone parte dal programma

LeccePrima è in caricamento