Politica

Operazione “Territorio 5 stelle”

Gli attivisti pentastellati denunciano lo stato di inquinamento e degrado nelle zone periferiche, industriali e rurali, gallipoline.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Sabato 31 ottobre, una delegazione formata del gruppo Attivisti M5S di Gallipoli e dal portavoce regionale Cristian Casili, ha dato il via all'operazione "Territorio a 5 stelle" , una serie di interventi-denuncia per riscontrare lo stato di inquinamento e degrado nelle zone periferiche, industriali e rurali, gallipoline.
Alla presenza del "Nucleo operativo guardie rurali ausiliarie" (N.O.G.R.A.) di Lecce i primi rilevamenti sono statati fatti presso la strada vicinale Santa Venardia, alle spalle della Baia verde dove sono stai ritrovati pezzi di eternit, materiale di risulta, pezzi di ferro, pezzi di plastica, tessuti e divani abbandonati. “Abbiamo più' volte portato all’attenzione delle precedenti amministrazioni un problema che da anni, sul territorio, è noto a tutti” – sostengono gli attivisti del M5S – “ma abbiamo incontrato una certa resistenza. Non possiamo continuare a permettere che siano i cittadini a pagare per le negligenze e il disinteresse di chi ci ha malgovernati. Seguiremo passo-passo l'iter della denuncia del N.O.G.R.A. riproponendoci di portare zone d'interesse archeologico, sentieri ed antiche vie dell'olio, ormai dimenticati e sommersi da rifiuti tossici, allo splendore che meritano."

Attivisti del MoVImento cinque Stelle Gallipoli

Contatto: attivistim5sgallipoli@yahoo.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione “Territorio 5 stelle”

LeccePrima è in caricamento