Martedì, 27 Luglio 2021
Gallipoli

Ex Nautico, la Provincia sale in cattedra. Un concorso per il nuovo progetto

Un altro passo in avanti per il recupero della vecchia sede del Vespucci di Gallipoli dopo la revoca dell'alienazione. La giunta di Gabellone ha disposto un concorso di idee per valutare se ristrutturare o ricostruire l'immobile

La vecchia sede dell'istituto nautico.

GALLIPOLI – Scongiurata la vendita, e lo smantellamento, è tempo di nuove idee per rendere agibile e accogliente la vecchia sede dell’istituto Nautico di Gallipoli. in attesa dei fondi necessari per aprire i cantieri e avviare in concreto le opere per il recupero funzionale dell’immobile di via Gramsci. Nell’attesa sarà ora un concorso d’idee a dire quale potrà essere il futuro migliore per il Vespucci della città bella.

E’ quanto ha stabilito nelle scorse ore la giunta provinciale, guidata dal presidente Antonio Gabellone, che con un’apposita delibera ha dato indirizzo al direttore generale dell’ente di palazzo dei Celestini, di attivare ogni azione necessaria per predisporre il bando per la selezione di una proposta progettuale sull’immobile di via Gramsci e piazza Malta. Tramite tale  concorso di idee l’amministrazione provinciale potrà valutare se sarà possibile, ed economicamente conveniente, un eventuale completo recupero edilizio ed impiantistico dell’ex sede in disuso del Nautico (con adeguamento alla normativa antisismica) o se, in alternativa, si prospetterà più opportuno procedere alla sua demolizione e alla sua successiva ricostruzione.

In entrambi i casi, la struttura, destinata sempre ad attività scolastiche, dovrà accogliere almeno venti classi. Lo studio di fattibilità che sarà prodotto dalla procedura concorsuale servirà per la successiva redazione di un progetto e per l’inserimento dell’intervento nel Piano triennale delle opere pubbliche della Provincia. Lo studio dovrà tenere conto del fatto che l’edificio è situato a ridosso della costa gallipolina, e nelle vicinanze del centro storico, e quindi in un contesto pregevole dal punto di vista paesaggistico e storico-culturale. Soddisfatto del provvedimento, il presidente della Provincia, Antonio Gabellone, che motiva così le ragioni della scelta di coinvolgere le varie intelligenze e professionalità del campo. “Il concorso di idee è un metodo competitivo che, mettendo a confronto soluzioni e contributi provenienti da diverse scuole di progettazione” dice Gabellone, “rende possibili risultati di maggiore qualità, consentendo, quindi, di fare scelte successive più appropriate. Questa procedura concorsuale, inoltre, offre a tanti giovani progettisti pari opportunità e occasioni reali di confronto, che possono facilitare anche il loro inserimento nel mondo del lavoro”. 

Dichiarato inagibile da tempo, parte  dell’ex sede dell’istituto Nautico “Vespucci” si trova in un cattivo stato di conservazione. E la popolazione scolastica è da tempo trasferita in altre localizzazioni, prima tra tutte la sede distaccata di via della Provvidenza nel complesso ex Salesiani.   L’amministrazione provinciale recentemente ha escluso quel complesso edilizio dal Piano delle alienazioni e delle valorizzazione del patrimonio immobiliare, accogliendo così la richiesta di mantenere la sede storica del “Vespucci” avanzata da più parti, compreso il Comune di Gallipoli. L’edificio è così rientrato nel patrimonio disponibile della Provincia, che ne ha confermato la destinazione scolastica e lo ha inserito in testa alla lista delle priorità in materia di edilizia scolastica consegnate al nuovo premier Matteo Renzi che, all’atto del suo insediamento, ha garantito il finanziamento e il recupero di una grande scuola per ogni provincia. Il Nautico di Gallipoli potrebbe avere ottime possibilità di ottenere il finanziamento per il suo recupero funzionale. Anche da qui la decisione odierna della giunta provinciale di lanciare questo concorso di idee propedeutico ai lavori di riqualificazione.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Nautico, la Provincia sale in cattedra. Un concorso per il nuovo progetto

LeccePrima è in caricamento