Gallipoli

Totani e gamberi a Gallipoli senza provenienza: sequestro maxi multa

I militari della capitaneria di porto della Città Bella hanno ispezionato un deposito del posto: sanzione da mille e 500 euro

La merce sequestrata.

GALLIPOLI – Proseguono i controlli e i sequestri di pesce da parte dei militari della capitaneria di Gallipoli. Nelle ultime ore, dopo le verifiche in una pescheria di Porto Cesareo, è stata eseguita un’ispezione anche in un deposito di prodotti ittici della Città Bella.  Sono stati portati via, dal personale della guardia costiera, 43 chili di pesce, perché privo di indicazione sulla provenienza e sulla rintracciabilità.

 Si tratta, nello specifico, di 36 chilogrammi di totani e sette di gamberi. Nei confronti del titolare, è scattato un verbale amministrativo di mille e 500 euro perché deteneva, per la successiva vendita e distribuzione la merce senza le obbligatorie indicazioni.

Le verifiche da parte degli uomini della capitaneria proseguiranno anche nel corso delle prossime settimane, anche in vista delle festività natalizie. Non soltanto controlli nelle pescherie, ma anche nei ristoranti e nelle trattorie del Salento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Totani e gamberi a Gallipoli senza provenienza: sequestro maxi multa

LeccePrima è in caricamento