Giovedì, 23 Settembre 2021
Nardò Nardò

Nubifragio all’ora di pranzo sul Salento: Nardò e le marine finiscono sott’acqua

Il violento acquazzone che ha interessato per più di un’ora in particolare la dorsale ionica ha causato diversi allagamenti nel centro neretino e a Santa Maria al Bagno e Santa Caterina. Strade, auto e piste ciclabili sommerse. Colpiti anche i centri di Sannicola, Parabita e Tuglie. Fenomeni ora attenuati

NARDO’ - L’avvio della settimana era stato annunciato alquanto instabile, con addensamenti nuvolosi, divenuti sempre più corposi, sull’arco ionico sin verso le zone interne con rovesci e temporali locali, ma molto intensi. Un vero e proprio nubifragio quello che poi, intorno alle 13, ha investito proprio gran parte della dorsale ionica, proseguendo in maniera non omogenea, è concentrandosi in particolare, con forte intensità, nei centri di Nardò e Leverano, e nelle marine neretine di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina.

Il forte temporale ha infatti sferzato pesantemente il centro cittadino di Nardò, con accumuli di pioggia che hanno sfiorato gli 80 millimetri, dei quali 53 caduti in poco meno di mezz'ora. Una situazione non nuova per il territorio neretino quando si verificano abbondanti precipitazioni, ma che questa volta ha causato forti disagi e allagamenti nelle zone più sensibili.

Strade, rotatorie e piste ciclabile, ma anche diverse auto in sosta sono letteralmente finite sott’acqua tra via De Gasperi (la strada che conduce alla stazione di Nardò città) in piazza Mazzini, via Cantore, largo Cimitero, e la centralissima via XXV Luglio all’altezza dell’ex ospedale Sambiasi e di via Fiume. Ancora una volta caditoie e pozzi di assorbimento non sono riusciti a contenere la copiosa ondata dell’acqua piovana.

L'ondata del maltempo ha causato notevoli disagi a garage e scantinati di diverse abitazioni e anche il cedimento di un muretto di recinzione lungo via Due Aie la direttrice cittadina che porta veso la provinciale per Leverano, all'altezza dell'incrocio con via Magna Grecia. La polzia locale ha provveduto a transennare e mettere in sicurezza la zona e disciplinare la circolazione. 

I vigili del fuoco sono intervenuti invece presso il commissariato di polizia di via Duca degli Abruzzi per la caduta di un cornicione nella parte retrostante l'immobile che ospita le forze dell'ordine. Colpite da raffiche di vento e pioggia anche le marine.

Guarda il video

Forte pioggia, con vento, tuoni e anche un po’ di grandine si sono abbattuti anche in altri centri lungo la direttrice gallipolina, nei comuni di Parabita, Galatone (qui a seguito degli eventi meteorologici è crollata una abitazione disabitata in Corte Grande. Sono intervenuti i tecnici comunali e la polizia municipale insieme ai vigili del fuoco), Sannicola, Tuglie, Melissano e anche nel Casaranese e lungo la statale 274 sino a lambire il territorio di Acquarica-Presicce.

Intono alle 15 di questo pomeriggio l'addensamento temporalesco si è poi gradualmente attenuato in mare lasciando lungo il territorio solo la caduta di pioggia più moderata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nubifragio all’ora di pranzo sul Salento: Nardò e le marine finiscono sott’acqua

LeccePrima è in caricamento