rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
La missiva del primo cittadino / Zollino

Inquinamento acustico sulla Maglie-Lecce. “Necessarie barriere fonoassorbenti”

Il sindaco di Zollino ha scritto nuovamente all’Anas per risolvere l’annosa questione lamentata dai numerosi residenti che vivono a ridosso della statale che taglia in due il paese. Proposte soluzioni mentre sono in corso i lavori di ammodernamento

ZOLLINO - Forti disagi e inquinamento acustico corrono veloci lungo il tratto della Strada Statale 16, che collega Lecce a Maglie, e che interessano da molto vicino i residenti della comunità di Zollino che vivono a ridosso dell’arteria che taglia letteralmente in due il paese grìco.

E ora che sono in corso nuovi lavori di ammodernamento del guardrail e delle barriere di protezione la situazione non dovrebbe migliorare in relazione a quelle problematiche atteso che non sono previste installazioni di panelli fonoassorbenti come più volte richiesto anche dall’amministrazione comunale di Zollino. Per questo il sindaco Edoardo Calò ha nuovamente preso carta e penna ed ha scritto direttamente all’Anas per significare la situazione di disagio vissuta nel territorio comunale.         

Troppo infatti il rumore destato dall’alta velocità, dal traffico e dal transito dei mezzi pesanti che provocano grande disagio per i cittadini che abitano il territorio del comune della Grecìa Salentina tagliato in due dalla strada che collega Lecce a Maglie.

“Il rumore perenne” si legge nella missiva, “dovuto al traffico degli automezzi pesanti e all’acutissimo fischio prodotto dal vento che si infrange sulle barriere in orso-grill, è causa di uno stress uditivo e di disturbi del sonno, oltre ad un diffuso malessere psichico che coinvolge gran parte dei cittadini residenti nell’abitato circostante la strada statale”.

Le barriere e gli orso grill posti per la sicurezza del tratto stradale provocano inevitabilmente  dei rumori che influiscono sulla vivibilità dei cittadini che da sempre continuano a vivere il costante disagio lamentato nel corso degli anni.  

“In precedenza c’è stata anche una raccolta firme, nella quale veniva posto il problema all’Anas chiedendo che venissero installate le barriere fonoassorbenti” spiega il primo cittadino di Zollino, “come ci sono in tanti tratti stradali ed autostradali nei pressi degli abitati. Ma nonostante le richieste non c’è mai stato alcun riscontro concreto”.

Proprio in questo periodo, come detto, anche il tratto della statale che percorre l’abitato del paese è interessato dai lavori di rifacimento sia dei guardrail che delle barriere di sicurezza esistenti.

“Lavori che amplificheranno ancora di più problemi e disagi vissuti dai cittadini” ammonisce il sindaco Calò, “ci saremmo aspettati che in questa circostanza, le barriere fossero sostituite con quelle fonoassorbenti per venire incontro alla richiesta e alla problematica più volte sottoposta all’attenzione di Anas, invece niente”.

“Come amministrazione” spiega ancora, “abbiamo scritto formalmente una lettera ad Anas chiedendo di intervenire per la soluzione dell’annoso problema e dei disagi che vivono i nostri cittadini. Già in precedenza, negli anni passati, i cittadini anche singolarmente hanno scritto ad Anas, ad Arpa e ad altri enti interessanti sottoponendo la problematica e i disagi vissuti quotidianamente”.

“Crediamo che nonostante non sia stato previsto, sia l’occasione giusta per intervenire con i lavori in corso per cercare di risolvere il problema. Pur comprendendo le ragioni legate alla messa in sicurezza della statale 16” conclude Calò nella missiva, “dovendo tutelare la salute ed il benessere della cittadinanza, chiedo di considerare l’installazione di barriere fonoassorbenti nel tratto stradale interessato in sostituzione delle barriere orso-grill presenti ed in corso di installazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento acustico sulla Maglie-Lecce. “Necessarie barriere fonoassorbenti”

LeccePrima è in caricamento