rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
0 °
Attualità

Devianze giovanili e dispersione scolastica: riunione per fare il punto della situazione

In prefettura un incontro del Comitato per l'ordine e la sicurezza alla presenza del procuratore per i minori, Simona Filoni. Fra le misure da adottare, quella di rafforzare la già solida rete interistituzionale

LECCE – Devianza, disagio familiare, dispersione scolastica: sono stati alcuni dei temi trattati questa mattina nel corso di una riunione mirata, riguardante la situazione dei minori in provincia di Lecce. Il prefetto di Lecce, Luca Rotondi, infatti, ha presieduto un incontro del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, alla presenza di Simona Filoni, procuratore presso il tribunale per i minorenni, dei vertici delle forze dell’ordine e del dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale, oltre che dei rappresentanti della Provincia di Lecce e del Comune capoluogo.

L’incontro ha rappresentato l’occasione per un confronto sulle misure di sicurezza e di vigilanza da adottare, con la massima collaborazione tra polizie locali e forze dell’ordine, per favorire un avvio sicuro del nuovo anno scolastico.

Particolare attenzione è stata dedicata alla condivisione di iniziative e progettualità utili alla tutela dei minori in situazione di disagio familiare e al contrasto delle forme di devianza giovanile, anche sulla base della approfondita relazione del procuratore Filoni, che ha evidenziato l’incisiva azione del suo ufficio su tutto il territorio salentino.

Al riguardo, i presenti hanno concordato sull’opportunità di rafforzare la già solida rete interistituzionale di sostegno dei giovani, intercettando per tempo i ragazzi a rischio di abbandono scolastico, fenomeno che talvolta sottende criticità del tessuto familiare e sociale di riferimento, tali da determinare il rischio di degenerazione in forme di marginalità e devianza.

Al termine dell’incontro, il prefetto Rotondi ha rivolto ai presenti un ringraziamento per l’impegno e la disponibilità manifestati, nella consapevolezza che “occorre sempre di più fare rete, con il concorso di sentinelle importanti quali gli istituti scolastici e le comunità locali, per garantire ai nostri ragazzi un futuro sereno ed improntato alla valorizzazione della cultura della legalità in ogni ambito del vivere civile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Devianze giovanili e dispersione scolastica: riunione per fare il punto della situazione

LeccePrima è in caricamento