menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il murales rimosso questa mattina.

Il murales rimosso questa mattina.

Scritte e simboli ingiuriosi contro Loredana Capone: rimosso il murale

Un’iniziativa gravemente offensiva da parte di ignoti, nel centro storico di Lecce. In mattinata è stata cancellata la scritta contro l’esponente del Pd

LECCE – È stato rimosso nella stessa mattinata di oggi il murale ingiurioso comparso su uno degli edifici comunali in città. Un graffito offensivo e di pessimo gusto che ritrae(ma offende pesantemente)  Loredana Capone, esponente politica del Partito democratico e riconfermata nella neo-nascente giunta regionale, a seguito della recente tornata elettorale.  

La scoperta nelle ultime ore in Piazzetta Antonio Panzera, uno dei punti più centrali del capoluogo salentino. Qualcuno, nella notte, ha realizzato uno slogan e dei simboli volgari e il volto stilizzato dell’assessora uscente. “La nostra Puglia sei tu”, hanno impresso sul muro i vandali-odiatori. E, accanto, hanno anche aggiunto un simbolo fallico. Come se l’impronta maschilista non fosse già piuttosto evidente. Dell’accaduto sono state informate le forze dell’ordine e gli agenti della Digos della questura. Scritta e illustrazioni sono state intanto rimosse dalla parete del palazzo, ripulito dai dipendenti di Palazzo Carafa.

La solidarietà nei confronti dell’esponente politica leccese è giunta in maniera unanime dall'amministrazione comunale, dal partito, dalle associazioni e da numerosi cittadini. Il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, si è rivolto all'autore del graffito con un post sui social: “La nostra Puglia non sei tu. Perché non deridiamo le donne, né  le offendiamo usando immagini di un sesso maschile. Perché non imbrattiamo gli edifici pubblici, li rigeneriamo.  Perché amiamo la street art che dona colore, bellezza e speranza ai quartieri; non quella che ingiuria. Un abbraccio a Loredana e alla sua famiglia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento