rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Interessati 215 chilometri di strada ferrata

Più sicurezza sui binari, anche sulle tratte del Salento nuovo sistema di controllo dei treni

Il gruppo di Ferrovie dello Stato ha annunciato il nuovo investimento tecnologico per le linee di Fse per il controllo della circolazione dei treni. Con il sistema Ertms saranno velocizzati i tempi di percorrenza e sarà garantita maggiore regolarità

LECCE - Anche le linee ferrate delle ferrovie del sud est del Salento saranno dotate di un evoluto sistema di sicurezza che controlla la circolazione dei treni: si tratta del sistema Ertms (European Rail Traffic Management System) che fornisce al macchinista tutte le informazioni necessarie per la guida, controllando con continuità gli effetti del suo operato sulla sicurezza della marcia del treno e attivando la frenatura d'urgenza nel caso il treno superi la velocità massima consentita.

L’intervento tecnologico promosso dalla società del gruppo delle Ferrovie dello Stato che ingloba anche Fse, consentirà di dotare anche la dorsale salentina di un avanzato sistema di sicurezza della circolazione dei treni. Il progetto in questione è finanziato con fondi del Pnrr per circa 130 milioni di euro e grazie alla prossima installazione dell’Ertms saranno velocizzati i tempi di percorrenza e sarà garantita maggiore regolarità della circolazione ferroviaria.

Nei giorni scorsi, la terza sezione del Consiglio superiore dei lavori pubblici ha infatti espresso parere favorevole al progetto di fattibilità tecnico-economica relativo agli interventi di adeguamento tecnologico delle linee salentine.

Le tratte interessate sono Novoli-Gagliano, Casarano-Gallipoli, Lecce-Gallipoli, Zollino-Gagliano e Maglie-Otranto per un totale di 215 chilometri, che attualmente sono dotate del sistema di sicurezza Bca (Blocco Conta Assi) che garantisce il distanziamento dei treni, permettendo di mantenere sempre la distanza di sicurezza tra un treno e l'altro.

I lavori partiranno nei primi mesi del 2024. Ferrovie del Sud Est, società del polo infrastrutture del Gruppo Ferrovie Stato installerà il nuovo sistema di sicurezza entro il 2026, in linea con le scadenze previste per gli interventi Pnrr.

La rappresentazione del sistema di sicurezza

Cos’è il sistema di sicurezza Ertms

Si tratta di un sistema di segnalamento digitale in grado di favorire l’interoperabilità tra operatori ferroviari, migliorare le prestazioni aumentando l'affidabilità, permettere il passaggio di un numero maggiore di treni sulle line e contribuire così a una maggiore puntualità.

La tecnologia alla base del sistema Ertms permette di scambiare le informazioni fra il sottosistema di terra e di bordo. Attraverso il canale audio, grazie alle informazioni trasmesse costantemente durante la marcia del treno, il macchinista riceve tutte le indicazioni necessarie per guidare in sicurezza istante per istante e nel caso in cui la velocità del treno superi i limiti consentiti, si attiverà automaticamente la frenatura d’emergenza.

Si tratta dunque di una tecnologia fondamentale che, favorendo l’interoperabilità tra operatori ferroviari di diversi paesi, promuove un sistema ferroviario integrato a livello europeo, che permetterà ai treni di paesi differenti di operare sulle linee ferroviarie italiane senza interruzioni.

Inoltre l’Ertms favorisce una più efficiente circolazione dei treni sulla rete riducendo il consumo di energia grazie a una ottimale regolazione della velocità e delle frenate dei treni, con evidenti benefici ambientali. Da non sottovalutare, infine, anche le conseguenze positive dal punto di vista paesaggistico, grazie all’eliminazione dei sistemi di segnalamento che oggi costeggiano i binari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più sicurezza sui binari, anche sulle tratte del Salento nuovo sistema di controllo dei treni

LeccePrima è in caricamento