Attualità

Vivere la città, a Galatone un parco prenderà il posto del cemento

Approvato il progetto per la demolizione di un vecchio edificio comunale: la struttura abbandonata lascerà spazio al verde pubblico e ad un’area attrezzata per giochi, benessere e attività sociali

GALATONE - Un vecchio edificio scolastico abbandonato farà spazio ad un’area verde, attrezzata con giochi, dedicata al benessere e alle attività sociali. La giunta comunale di Galatone ha approvato il progetto definitivo, per un importo di 850mila euro, finalizzato alla riqualificazione e al riuso dello spazio pubblico in via Beato Egidio (nella foto d’apertura, il rendering).

“Si tratta del secondo intervento, dopo il piano di restyling di piazza Sant’Antonio, che l’Amministrazione candida per ottenere i contributi statali messi a disposizione dal governo con il Dpcm del 21 gennaio scorso a favore di investimenti per la rigenerazione urbana, il decoro e l’abbattimento dei fenomeni di marginalizzazione e degrado. Il progetto segnerà la rinascita di un’area pubblica di 3200 metri quadrati: il cemento farà spazio ad un polmone verde.”, ha dichiarato il sindaco Flavio Filoni.

L’assessore ai lavori pubblici Biagio Gatto ha spiegato che il processo di  riqualificazione e rigenerazione partirà proprio dalla demolizione dell’immobile: “La vecchia struttura (che ha anche ospitato uffici comunali, ndr) cederà il passo ad un parco urbano con un’area verde completa di attrezzature per le iniziative sociali e ludico-ricreative, per lo svago e per l’attività fisica all’aperto, e con un chiosco-bar e servizi. Sarà uno spazio per la comunità dove famiglie e bambini potranno divertirsi in sicurezza e trascorrere il tempo libero in tranquillità e a contatto con la natura”.

Ecco, nello specifico, cosa ci sarà nella nuova vita dell’area di via Beato Egidio: giostre, arredi, attrezzature e giochi per i più piccoli, un’area ristoro, spazi per il fitness all’aperto e per le iniziative culturali, ampi spazi verdi con arbusti ad alto fusto, oltre alla messa a dimora di piante autoctone.

“La creazione del parco punta alla valorizzare del territorio ed al miglioramento della qualità e del decoro urbano in un’area posta in adiacenza alle mura del centro storico. Il nuovo spazio rappresenterà un punto di raccordo urbano tra i servizi scolastici presenti ed il borgo antico di Galatone: sarà un luogo pubblico importante sia sul fronte ambientale ed ecologico sia per la missione di aggregazione sociale che riuscirà a svolgere”, ha evidenziato il vicesindaco e assessore all’urbanistica, Caterina Dorato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vivere la città, a Galatone un parco prenderà il posto del cemento

LeccePrima è in caricamento