Mercoledì, 28 Luglio 2021
Economia

“Il protagonismo di Cgil è nocivo”. Dura replica di Cisl e Uil su Transcom

Le organizzazioni di categoria Fistel e Uilcom hanno convocato le assemblee sindacali. E replicano ad una nota stampa dei colleghi di Cgil: "Si è generata confusione sia tra i lavoratori che passeranno al contratto Ania sia tra quelli delle telecomunicazioni"

@TM News/Infophoto

LECCE – Le organizzazioni sindacali di categoria delle Telecomunicazioni Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno convocato per domani, 25 luglio,  tre  assemblee sindacali dei lavoratori della Transcom Worldwide presso la sede di Lecce nella zona industriale, previste dalle ore 12 alle 17. Durante le assemblee verranno illustrati i contenuti dell’accordo siglato il  17 luglio scorso su commessa Genialloyd Allianz che prevede il passaggio di 40 lavoratori dal contratto telecomunicazioni (Tlc) a quello Ania (assicurazioni).

Agli incontri prenderanno parte, oltre ai segretari generali dei sindacati di categoria delle telecomunicazioni Salvatore Castrignanò della Fistel Cisl e Artidoro Grilli della Uilcom Uil, anche quelli dei bancari Antonio Perrone della Fiba Cisl e Oronzo Pedio della Uilca di Lecce. In particolare i segretari Perrone e Pedio hanno voluto replicare al comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi dalla Fisac Cgil in merito al suddetto accordo, siglato unitariamente  dai  tre sindacati confederali dei bancari, con la Transcom Worldwide che gestisce un call center a Lecce.

I segretari di Cisl e Uil rimarcano come si tratti innanzitutto di un accordo di sviluppo e non di crisi. L’accordo, infatti, assicura il mantenimento di una buona occupazione sul territorio caratterizzato da due aspetti fondamentali: quello normativo -  in quanto verrà applicato il contratto Ania che regolamenta le attività assicurative svolte -  e quello economico in quanto i lavoratori manterranno l’attuale retribuzione del contratto Tlc (retribuzione superiore a quella minima prevista dal contratto Ania).

Le organizzazioni sindacati sottolineano inoltre che “la frenesia di protagonismo della Fisac Cgil di Lecce ha raggiunto un increscioso  livello di superbia ed autoreferenzialità dannosa per i lavoratori e per tutto il movimento sindacale”. La diffusione del comunicato stampa di Cgil avrebbe, infatti, “generato confusione ed incertezza tra tutti i colleghi di Transcom, sia in quelli che passeranno dal primo settembre nel contratto Ania, che in quelli che  rimarranno nel contratto delle Telecomunicazioni”.

Si tratta dell’ennesima fuga in avanti della stessa organizzazione sindacale che ha impedito di concordare un comunicato stampa unitario – aggiungono i segretari di Cisl e Uil- . Ruolo fondamentale e determinante per la buona riuscita dell’accordo è stato il contributo  di tutta la delegazione sindacale che era composta per la CISL e per la UIL, oltre ai segretari dei bancari e delle telecomunicazioni anche dei segretari del comparto assicurativi Ania, mentre per la Cgil vi erano solo i segretari dei bancari e delle telecomunicazioni”.

Questo accordo, con quello avvenuto in Corvallis Wave a marzo di quest’anno (che ha interessato anche la sede Lecce per il passaggio di 26 dipendenti dal contratto del Commercio a quello Ania) rappresenterebbe, inoltre, una valida occasione per una seria riflessione normativa a livello nazionale, alla vigilia delle trattative per il rinnovo del Ccnl Ania. “Come al solito la mania di protagonismo prevale sul buon senso e rischia di danneggiare l’immagine tutta del sindacato – conclude la nota stampa -ed il suo ruolo fondamentale in un contesto socio economico particolarmente difficile che richiede unità politica e di iniziative piuttosto che di semplice propaganda”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il protagonismo di Cgil è nocivo”. Dura replica di Cisl e Uil su Transcom

LeccePrima è in caricamento