Sabato, 31 Luglio 2021
Economia

Seclì, convenzione con Ansi: la mediazione per smaltire il contenzioso

È questa la scelta del piccolo ente salentino, primo in tutta la provincia di Lecce, ad aver scelto questa strada come metodo preferenziale per la risoluzione delle controversie. Risoluzione con poca spesa in un massimo di 4 mesi

SECLI' - Il Comune di Seclì, in Provincia di Lecce, é il primo centro salentino ad aver scelto ufficialmente la mediazione come metodo preferenziale per la risoluzione delle controversie. Il sindaco della cittadina, Luigi Fernando Negro, ha infatti siglato una convenzione con Ansi - mediazione nazionale (Accademia nazionale studi internazionali), network di Camere di mediazione con sede centrale a Casarano (aderenti alla Camera di Mediazione Nazionale), organismo accreditato dal Ministero della Giustizia.

“Scopo della convenzione proposta a tutte le amministrazioni pubbliche – spiega il presidente dell’Ansi, Antonio Muia – é quella di smaltire il contenzioso dei comuni utilizzando l’istituto della mediazione, metodo stragiudiziale che pone cittadini e amministrazioni in un rapporto dialogante con ampie possibilità di trovare un accordo soddisfacente per entrambe le parti eliminando i costi onerosi della giustizia civile e i tempi lunghissimi del processo”.

Con la mediazione, infatti, é possibile risolvere la controversia nel tempo massimo di 4 mesi e con poca spesa: “La scelta di mediare – spiegano dall’Ansi – non preclude la porta alla via giudiziaria ordinaria qualora il tentativo di mediazione non andasse a buon fine. Si tratta di una possibilità in più che offre alle parti la possibilità di riappacificarsi non solo da un punto di vista economico ma anche morale ed umano. In mediazione – conclude Muia – sono tutti vincitori e compito del mediatore é quello di facilitare un accordo ascoltando e rispettando le parti, senza giudicare.

La convenzione tra il Comune di Seclì e l’Ansi apre certamente le porte della mediazione nelle amministrazioni pubbliche non solo come buona pratica nei confronti dei cittadini ma anche come notevole risparmio economico per le casse comunali: “Sono già numerosi – conclude Muia – i Comuni salentini che stanno aderendo alla convenzione o che hanno richiesto informazioni al riguardo”.

La sede dell’Ansi é in Piazza San Giovanni a Casarano ed é aperta tutte le mattine escluso sabato e domenica. Info su www.gruppoansi.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seclì, convenzione con Ansi: la mediazione per smaltire il contenzioso

LeccePrima è in caricamento