Cultura

Terzapagina. "La fabbrica del paesaggio": l'Unesco premia Masseria Montelauro

Prestigioso riconoscimento per la struttura di Elisabetta Massaro, che si aggiudica il concorso nazionale tra circa duecento progetti partecipanti, grazie alla spiccata attenzione ambientalista e al rispetto del territorio

OTRANTO - Un riconoscimento dell'Unesco per la tutela del paesaggio e il rispetto dell'ambiente: c'è questo, nella sostanza, dentro il premio "La fabbrica del paesaggio", consegnato ieri mattina dal presidente del Club Unesco di Otranto, Enrico Risolo, per conto della Federazione italiana nazionale, ad Elisabetta Massaro e alla struttura "Masseria Montelauro".

"La Fabbrica del paesaggio" è un concorso, istituito dalla Federazione italiana dei club e dei centri Unesco, per un progetto che evidenzi una spiccata attenzione ambientalista, nell'idea di sapersi integrare nel territorio circostante, rispettando e valorizzando l'esistente: un riconoscimento che omaggia tra circa duecento progetti aspiranti, a livello nazionale, i tre che dimostrano la propria conformità ai valori propri dell'Unesco.

La qualità architettonica e la ratio alla base della Masseria Montelauro, realizzata sulla strada provinciale che da Otranto conduce ad Uggiano La Chiesa, sono rispettose di criteri paesaggistici, estetici, storici ed ambientali, nello spirito della conservazione e della ristrutturazione dell'esistente e senza il ricorso ad elevazione di nuovi volumi. Sono questi i valori che hanno garantito alla struttura salentina di ottenere il riconoscimento, attestandone l'integrazione nella natura circostante e nella visione di un turismo sostenibile ed attento al territorio.

Si tratta del secondo progetto, presentato dal Club Unesco di Otranto, che vince questo specifico concorso: già l'anno scorso, infatti, si era aggiudicato lo stesso risultato una tenuta di Carpignano salentino e l'idea di rifacimento della struttura, portata avanti da un tecnico idruntino, l'ingegnere Aldo Russo.

Alla breve cerimonia di consegna della targa alla titolare della struttura, Elisabetta Massaro, hanno preso parte le figlie, Mercedes e Caterina, il sindaco di Otranto, Luciano Cariddi, il consigliere comunale, Francesco Vetruccio, l'ingegnere già vincitore lo scorso anno dello stesso riconoscimento, Aldo Russo, e il vignettista, Giorgio Forattini, assieme alla moglie, ospiti della struttura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. "La fabbrica del paesaggio": l'Unesco premia Masseria Montelauro

LeccePrima è in caricamento