Mercoledì, 4 Agosto 2021
Mostre

Terzapagina. La "Storia nel cassetto": il Salento visto attraverso i fumetti

Raccontare la storia di un territorio coniugando, con formule inedite, vecchi e nuovi strumenti di comunicazione, carta e web, per il recupero della memoria collettiva: il tutto con il rigore scientifico garantito dall'Università

LECCE - Raccontare la storia di un territorio coniugando, con formule inedite, vecchi e nuovi strumenti di comunicazione – la carta e il web; aprire le porte alla partecipazione attiva dei cittadini al recupero della memoria collettiva della città e costruire così la propria storia dal basso. Il tutto con il rigore scientifico garantito dal Dipartimento di Storia, società e studi sull’uomo dell’Università del Salento.

Ecco, allora, "La Storia di Lecce a fumetti" e poi a seguire - sempre a fumetti - la storia dei principali comuni del Salento comprese le edizione di Brindisi. Infine speciali edizioni per la scuola e per i turisti. Non mancherà lo sport con la storia del Lecce - calcio a fumetti. L’opera  –  collegata alla testata “l’Osservatorio” -  sarà distribuita in tutte le edicole del Salento in fascicoli settimanali (32 pagine, grande formato: cm 24 x cm 34) a partire dalla primavera ormai alle porte.

In parallelo, è pronta l’operazione “La Storia nel cassetto”, una formula che permetterà la partecipazione attiva dei cittadini alla cultura diffusa del territorio aprendo, appunto, “i cassetti di casa” per  raccogliere testimonianze, scritti, diari, reperti, cimeli, lettere, fotografie, filmati, disegni, mappe, e quant’altro. Il materiale, in copia, in una prima fase sarà catalogato e inserito dagli esperti dell’Università del Salento in un archivio informatico online a disposizione di ricercatori, studiosi e dei cittadini.  Seguiranno gli approfondimenti anche attraverso i fascicoli della Storia a fumetti e attraverso i siti web collegati all’operazione

Sia la “Storia a fumetti” che “la Storia nel cassetto” nascono da una collaborazione con il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento, presieduta e diretta da Vitantonio Gioia,  deliberata l’11 dicembre del 2013  attraverso una vera e propria convenzione. referente scientifico del progetto è stata incaricata Rosanna Basso.

Piena adesione al progetto viene dal sindaco di Lecce, Paolo Perrone, anche per le ampie assonanze di obiettivi che sia la “Storia a fumetti” che la “Storia nel cassetto” hanno con il percorso di  Lecce2019, la candidatura della città a Capitale europea della cultura. In particolar modo – ha rilevato Perrone – tali assonanze sono evidenti nei segmenti della comunicazione del sapere, della cittadinanza attiva e del sistema dell’istruzione.

Al progetto, già in start up da ottobre dello scorso anno, oltre a docenti e ricercatori del Dipartimento di Storia, collaborano disegnatori, sceneggiatori, esperti informatici, grafici, esperti in comunicazione e marketing. Alla guida della struttura societaria, tra gli altri,  Annamaria Amabile (autrice delle sceneggiature) ed Elisabetta Quintana per il coordinamento dei comparti economico e gestionale. Al giornalista Mimmo Pavone, infine, è stata affidata la gestione della comunicazione del progetto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzapagina. La "Storia nel cassetto": il Salento visto attraverso i fumetti

LeccePrima è in caricamento