rotate-mobile
Il risvolto

Inchiesta “Garanzia Giovani”, il sindaco Decaro rimuove l’assessore D’Adamo

La decisione del primo cittadino di Bari dopo essere venuto a conoscenza dell'indagine che riguarda la società gestita dal delegato al Bilancio, con perquisizioni anche in altre località pugliesi, fra cui Lecce

BARI – Compare anche il nome del politico Alessandro D’Adamo nell’inchiesta che ha travolto la società Kronos e che ha portato a perquisizioni nelle sedi di Bari, Andria e Lecce. D’Adamo al Comune di Bari aveva fino a poche ore addietro la delega assessorili al Bilancio, ma è stato rimosso dal sindaco Antonio Decaro, una volta che quest’ultimo è stato informato della esistenza di un’attività di indagine da parte della Procura europea per motivi riguardanti la sua professione.

“L’esercizio di importanti funzioni pubbliche quali quelle di assessore deve essere privo di qualsiasi sospetto”, ha spiegato Decaro in una nota, motivando la sua decisione di provvedere alla revoca. “È un dovere nei confronti dei cittadini e consente agli interessati di potersi difendere liberamente”.

L’operazione si inserisce in un’attività di indagine delegata al Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Bari nel settore della formazione professionale, del contrasto alla disoccupazione e dell’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani e dell’istruzione, tramite contributi comunitari erogati nell’ambito del programma “Garanzia Giovani”. Le ipotesi di reato sono di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, per fatti commessi a Bari dal 2019 al 2022.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta “Garanzia Giovani”, il sindaco Decaro rimuove l’assessore D’Adamo

LeccePrima è in caricamento