Caso poste Boncore: "Gabellone condivide l’impegno per una riapertura"

Accettato il sollecito avanzato dalla Pro Loco di Porto Cesareo sulla questione della chiusura dell'ufficio postale nella località di Boncore. Dopo Albano, anche Gabellone dice di sì

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Dopo il Sindaco di Porto Cesareo, dott.Salvatore Albano, anche il Presidente della Provincia, Antonio Gabellone, ha accettato il sollecito avanzato dalla Pro Loco e anch'egli ha reso noto la sua posizione coerente con quella della Pro Loco stessa: rivedere la chiusura della filiale di Poste italiane di Boncore (Nardò). A suo avviso è una situazione che comporta, per un'utenza quantitativamente rilevante, notevoli disagi per un servizio essenziale quale quello di Poste italiane. La frammentarietà degli insediamenti abitativi in un esteso territorio e la particolare difficoltà, per un'utenza numerosa, di raggiungere gli uffici postali dei due Comuni, Nardò e Porto Cesareo, sono elementi che possono ragionevolmente indurre ad un ripensamento sulle scelte operate nonostante la politica di spending review in vigore in numerosi Enti e istituzioni pubbliche.

Grande attesa ora per la risposta di Poste italiane Spa su questo caso, considerando scontate le posizioni favorevoli dei restanti attori coinvolti nella vicenda e chiamati in causa dalla Pro Loco di Porto Cesareo, dal Sindaco Albano, dal Presidente Gabellone: Union 3 (dove la Presidenza di turno è ricoperta dal Sindaco Albano) e il Sindaco del Comune di Nardò.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento