rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
social Leverano

Donazione organi: Leverano tra i Comuni medio-piccoli più generosi d'italia

Il paese presenta un indice del dono pari a 83,39 su 100. Il tasso di consensi si attesta sul 99,7 percento, mentre quello degli astenuti sul 39,2 percento

In merito alla donazione degli organi, Leverano non è solo uno dei Comuni più generosi della Puglia ma addirittura d'Italia. È quanto emerge dal relativo report "Indice di dono 2023", pubblicato dal Centro nazionale trapianti dell'Istituto superiore della sanità.

Il paese salentino si posiziona terzo a livello nazionale tra le città medio-piccole, da 5 a 30mila abitanti, con un indice del dono di 83,39 su 100. Il tasso di consensi dei cittadini leveranesi si attesta sul 99,7 percento mentre quello degli astenuti sul 39,2 percento. Meglio hanno fatto solo Guardiagrele, in provincia di Chieti, e Primiero San Martino di Castrozza, in Trentino. 

A livello regionale la provincia di Lecce si colloca al terzo posto dopo Bari e Brindisi. L'indice del dono territoriale è pari a 56,07 su 100. Il tasso di consensi è del 66,2 percento, quello degli astenuti 33,8. 

Come diventare donatori

La dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti in Italia non è obbligatoria. Tuttavia, è utile prendere una posizione in merito per non lasciare questa decisione ai propri cari in un momento difficile e delicato.

Ogni persona maggiorenne può esprimere il proprio consenso o dissenso finalizzato alla donazione di organi e tessuti dopo la morte in diversi modi:

- all'ufficio anagrafe del Comune al momento del rilascio o rinnovo della carta d’identità; 

- compilando il modulo dell'Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (Aido) online, se si è in possesso dello Spid o della firma digitale, o in una delle sedi dell'associazione; 

- firmando il modulo presso la propria Azienda sanitaria locale; 

- compilando il tesserino del Centro nazionale trapianti o il tesserino blu del ministero della Salute, oppure una delle donor card distribuite dalle associazioni di settore; in questo caso è necessario stampare la tessera e conservarla tra i propri documenti personali; 

- riportando la propria volontà su un foglio bianco, comprensivo di data e firma e custodire la dichiarazione tra i propri documenti personali

La dichiarazione può essere modificata in qualsiasi momento, poiché fa sempre fede l'ultima dichiarazione resa in ordine temporale. Inoltre, non esistono limiti di età per esprimersi su questo tema.

In caso di mancanza di una dichiarazione di volontà sulla donazione, il prelievo degli organi è possibile solo se i familiari aventi diritto non si oppongono. 

Gli organi che possono essere donati dopo la morte sono il cuore, i polmoni, i reni, il fegato, il pancreas e l'intestino; tra i tessuti sono inclusi la pelle, le ossa, i tendini, la cartilagine, le cornee, le valvole cardiache e i vasi sanguigni.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donazione organi: Leverano tra i Comuni medio-piccoli più generosi d'italia

LeccePrima è in caricamento