Calcio

Baroni stimola Rodriguez: "Non è il vice Coda, deve sostenere la competizione"

Vigilia della gara tra Lecce e Alessandria: il tecnico dei giallorossi esorta i suoi a creare densità in area di rigore e spiega la gestione del giovane spagnolo. La Primavera di mister Grieco di scena a Verona contro l'Hellas

LECCE - Alla vigilia di Lecce-Alessandria, valevole per il quarto turno di campionato, mister Marco Baroni fa i conti con un paio di dubbi: non dice esplicitamente quali, in conferenza, ma è probabile che riguardino la coppia Gendrey-Calabresi e quella Majer-Bjorkengren.

Il francese e lo sloveno, del resto, hanno smaltito i problemi accusati nella gara di Benevento ma non hanno lavorato sempre a pieno ritmo durante la settimana. E poi c'è da considerare che martedì si tornerà in campo, a Crotone, e poi ancora a Cittadella, sabato prossimo: "Nove punti in sette giorni - ha sintetizzato l'allenatore del Lecce - ma abbiamo una rosa sufficientemente ampia e pronta. Pensiamo a una gara alla volta".

Una sorta di approfondimento è stata fatta sul momento di Pablo Rodriguez: "Noi tutti, dalla società a me, ai compagni, abbiamo fatto un investimento su di lui. Lo scorso anno era uno tra tanti attaccanti. Quest'anno non è l'alternativa di Coda, è uno dei due che possono giocare in quel ruolo, posto che possono anche coesistere in determinate situazioni. Deve capire che se vuol fare calcio a livelli importanti, deve sostenere certe competizioni. In ritiro è partito benissimo, mi ha impressionato, poi ha lasciato qualcosa per strada forse perché sapeva di avere due giornate di squalifica da scontare. Questa settimana l'ho visto lavorare forte, deve continuare così, avrà le sue chance". 

Il tecnico fiorentino ha spiegato poi che l'avversario di domani è di quelli belli tosti, "che ti prendono a uomo, che ti tolgono l'iniziativa" e che la difficoltà di fare centro, punto debole attuale del Lecce, non deve diventare un peso: "Tutte le squadre fanno fatica contro avversari schierati dietro la linea della palla, ma nella partita dobbiamo essere bravi a trovare le soluzioni, dobbiamo gestire meglio alcune situazioni: sui cross dobbiamo creare più densità. Quando gli altri si mettono a difesa dell'area di rigore è chiaro che si ricorre al cross, come abbiamo fatto contro il Como, ma poi c'è bisogno di andare dentro con convinzione perché spesso è lì dentro che un'azione da propizia diventa pericolosa, da gol".

Primavera: i convocati per Verona

Domani scenderà in campo anche la Primavera, alle 11, a Verona contro l'Hellas. Dopo i due pareggi con Cagliari e Bologna, capitan Ciucci e compagni giocheranno a viso aperto. Mister Vito Grieco ha convocato 21 calciatori: i portieri Borbei e Samooja; i marcatori Ciucci, Hasic, Dreier; gli esterni di difesa Russo, Scialanga, Lemmens; i centrocampisti Martì, Vulturar, Macrì, Torok, Gonzalez; gli esterni offensivi Salomaa, Felici, Daka, Milli, Trezza e gli attaccanti Back, Burnete e Coqu.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baroni stimola Rodriguez: "Non è il vice Coda, deve sostenere la competizione"

LeccePrima è in caricamento