Notizie da Gallipoli

Alba di fuoco a Gallipoli: in fumo i veicoli di due pescatori e di un pensionato

E' mistero sull'episodio avvenuto alle 5 e mezzo: una Smart e due Fiat Punto, parcheggiate in via Varese, sono state colpite dalle fiamme

Le auto distrutte dalle fiamme

GALLIPOLI – E’ mistero a Gallipoli, dopo l’incendio avvenuto nella notte. Tre autovetture, in sosta all’interno del parcheggio di un complesso di palazzine popolari, sono andate in fumo. L’incendio, divampato all’alba in via Varese, si è infatti propagato sui tre mezzi. Il fuoco ha distrutto la parte posteriore di una Smart, intestata a un pescatore del luogo, il lato anteriore della Fiat Punto che si trovava parcheggiata dietro e un’altra Fiat Punto, in posizione laterale rispetto alle altre due. Questi ultimi due mezzi sono di proprietà di un altro pescatore e di un pensionato.

Sul posto, allertati dai residenti, i vigili del fuoco del distaccamento gallipolino. Terminate le operazioni di spegnimento, i pompieri hanno eseguito un sopralluogo nei paraggi, alla ricerca di elementi sospetti. Al momento, però, la natura del rogo non è stata dichiarata dolosa, ma in fase di accertamento. E’ infatti complesso risalire alla causa  dell’accaduto e alla prima auto da cui sarebbe partito il rogo. Mentre due vetture sono allineate, ve ne è una terza distante. Ma, parcheggiata in leggera pendenza rispetto alle altre due, potrebbe essere stata raggiunta dalla scia di combustibile evidente sull’asfalto.

Nel corso della mattinata, i tre proprietari saranno attesi negli uffici del commissariato locale, per formalizzare la denuncia e per essere ascoltati dagli inquirenti. Al momento, avrebbero dichiarato di non aver subito atti intimidatori, né di aver ricevuto minacce, ma i poliziotti vogliono chiarire se le vetture fossero in uso a famigliari o conoscenti. Un mese addietro, sempre nella CIttà Bella, un altro incendio ha colpito un pescatore: era la notte del 17 ottobre quando ignoti hanno appiccato le fiamme a ben tre imbarcazioni, intestate a un 40nne del luogo.IMG_2514-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eventuali dissidi legati al mondo della gestione dell'attività di pesca e commercio dei prodotti ittici sono stati da subito la pista battuta dagli investigatori. Anche alla luce dei precendenti avvertimenti lanciati, a maggio, a un altro pescatore della Città Bella e a un cuoco e poi, di recente, dei due proiettili inviati all'esponente di Ncd-Area Popolare, Sandro Quintana: l'ex consigliere provinciale ha infatti ricevuto un fazzoletto, con all'interno le munizioni, in uno dei noti ristoranti che gestisce  assieme alla sua famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento