Otranto

Caparbio e corsaro, l'Otranto espugna anche Massafra

La squadra di mister Salvadore s'impone 3 a 0 nel tarantino, con una partita maschia, con una difesa imbattibile che ritrova il perno Galante. Doppietta dell'argentino Pighin e magia di Marrocco

Immagine_di_domenica_scorsa

OTRANTO - Caparbio e corsaro, l'Otranto affossa in trasferta il Massafra, con un pesante 3 a 0. Un segno chiaro ed evidente di come la squadra di mister Andrea Salvadore, seppur partita a fari spenti e con l'intenzione di un campionato tranquillo, abbia le qualità per sorprendere e fare sul serio. Quella di Massafra doveva essere la prima di una serie di partite-verifica, per comprendere il peso specifico dell'undici idruntino. Il test, nel tarantino, con il primo successo in trasferta, strappa un urlo di gioia, che dà continuità alla pirotecnica vittoria in Coppa Italia col Martano e all'affermazione di domenica scorsa contro il Novoli.

Quella di Massafra è una sfida maschia, giocata molto sulla tensione agonistica, il reciproco pressing e le sporadiche ripartenze: non è tecnicamente una partita spettacolare, anche se a tratti ci sono sprazzi di bel gioco. L'Otranto ha il merito di sfruttare con sorprendente cinismo da grande squadra le poche palle gol a disposizione, controllando il resto della gara con una difesa insuperabile, che ieri ha ritrovato l'altro perno centrale, Galante, reduce da una squalifica di due turni. Tre partite di campionato, zero gol subiti: statistiche che la dicono lunga sulla consistenza del reparto arretrato.

Davanti poi l'argentino Pighin è una furia e non perdona: doppietta da bomber puro, che lo lancia nella classifica marcatori con tre reti in altrettante partite. Un cecchino d'area, insomma. Ad ipotecare il successo è il gol di Simone Marrocco, protagonista soprattutto di uno splendido gesto tecnico, in cui si esibisce in una straordinaria mezza sforbiciata, che colpisce il palo. Lo stadio viene giù alla prodezza ed applaudono anche i tifosi del Massafra, perché di gesti così se ne vedono sempre meno persino nel calcio che conta. La sfortuna del palo è compensata col terzo gol che porta la sua firma.

Non nasconde la gioia per questo risultato, il presidente Giovanni Mazzeo: "Siamo sorpresi da questo bellissimo avvio e ringraziamo i tanti tifosi dell'Otranto, che si stanno affezionando alla squadra e che hanno manifestato nella giornata di ieri la loro vicinanza. Spero che anche l'amministrazione comunale voglia dimostrarsi vicina a questi giocatori che difendono con onore i colori di questa città".

Ma non è tempo di tirare i remi in barca, visto che giovedì ritorna la Coppa Italia, con la delicata sfida in casa contro il Galatina, la squadra favorita per eccellenza del campionato di Promozione: in quella occasione, mister Salvadore potrebbe dare spazio a gente più fresca, ma senza, tuttavia, smembrare l'idea di un calcio aggressivo e votato al risultato pieno. Nella classifica generale del campionato, il Gallipoli resta al comando a punteggio pieno, dopo tre gare, seguito da un trio composto dal Galatina, dal Sogliano e, appunto, dall'Otranto, a quota sette punti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caparbio e corsaro, l'Otranto espugna anche Massafra

LeccePrima è in caricamento