In sosta con il pass del disabile deceduto. I vigili scovano 46 permessi illegittimi

Il comando della polizia locale ha avviato i controlli sui permessi e sugli stalli riservati ai diversamente abili. “Restituire i contrassegni dei titolari morti. Se colti in flagranza c’è il rischio di una denuncia”

GALLIPOLI - E’stata avviata nei giorni scorsi una capillare attività di verifica e controllo, da parte del comando della polizia locale di Gallipoli, sui contrassegni rilasciati per i diversamente abili che consentono l’accesso e la sosta negli  stalli su tutto il territorio nazionale. L’attività, sollecitata dal comandante dei vigili urbani, Antonio Cogliandro, si è resa necessaria per effettuare un aggiornamento sulla validità e sulla legittimità dei pass in circolazione rilasciati dal Comune di Gallipoli e anche alla luce nel nuovo regolamento che il dirigente della polizia locale ha già redatto e consegnato alla valutazione dell’assessore al Traffico e polizia municipale, Paola Scialpi, dell’amministrazione del sindaco Stefano Minerva e all’approvazione del consiglio comunale.

Dalla ricognizione effettuata, anche con controlli incrociati da parte dei vigili, è emerso che in ben 46 casi ci sono ancora in circolazione, e custoditi, altrettanti contrassegni che non possono più essere utilizzati in quanto gli intestatari disabili sono ormai deceduti. Alla luce di questo primo censimento dal comando della polizia locale sono partiti altrettanti avvisi bonari rivolti ai familiari e parenti degli intestatari dei pass “scaduti” al fine di provvedere alla restituzione dei contrassegni che non possono più essere adoperati per usufruire della sosta negli stalli sia riservati che pubblici. Il tutto per non commettere un evidente abuso da parte dei possessori dei permessi che, se colti in flagranza, rischiano anche una denuncia penale. Al momento dopo i primi avvisi circa una decina sono stati i cittadini che hanno spontaneamente riconsegnato i contrassegni ormai non più validi per la sopraggiunta morte del familiare disabile intestatario.

L’invito rivolto dal comandante dei vigili, Antonio Cogliandro, è per tutti coloro che hanno già ricevuto la comunicazione del Comune, o che comunque la riceveranno in questi giorni, a mettersi in regola riconsegnando i permessi “per evitare conseguenze maggiori visto che l’uso improprio dei contrassegni rientra tra gli illeciti penali perseguibili per legge”. Contestualmente al controllo sui pass la polizia locale è impegnata negli accertamenti e nelle verifiche anche sugli spazi di sosta personalizzati autorizzati e realizzati nei pressi delle abitazioni dei richiedenti. Anche in questo caso, oltre alla restituzione dei permessi, gli eredi dei disabili non più in vita dovranno segnalare la necessità di eliminare gli stalli riservati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Stiamo lavorando ad un nuovo regolamento comunale per disciplinare al meglio anche la valutazione delle istanze per la realizzazione degli stalli personalizzati che saranno concessi sulla base di requisiti e norme ben definite e sulla base della normativa vigente” conclude il comandante Cogliandro, “anche perché sino ad ora sulla scorta della vecchia regolamentazione abbiamo sempre atteso una collaborazione da parte della Asl che non ci ha mai fornito il parere richiesto per ritenere o meno idonee le richieste presentate dai cittadini. Ho già consegnato la bozza del nuovo regolamento all’attenzione del consiglio comunale che dovrà a breve approvarlo consentendoci di valutare con puntualità e oggettività le future richieste che saranno presentate”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento