Mercatone Uno, spunta un acquirente per il negozio di San Cesario. Prudenti i sindacati

Il Mise avrebbe autorizzato la cessione di 9 punti vendita nazionali, tra cui quello salentino. Campobasso, Filcams Cgil: "Si tratta ancora di un'ipotesi e ragioneremo solo davanti ad accordi concreti"

Foto di repertorio

San Cesario di Lecce – Sviluppi nella vertenza Mercatone Uno? È ancora presto per dirlo e i sindacati ci vanno con i piedi di piombo, per non alimentare false speranze nei lavoratori già fiaccati dalla crisi nazionale che ha colpito lo storico marchio d'arredamento.

Ma uno spiraglio nel tunnel s'intravede: il ministero dello Sviluppo economico avrebbe infatti autorizzato la cessione di 9 punti vendita del gruppo a diversi soggetti imprenditoriali. Esisterebbe anche una manifestazione d'interesse per il punto vendita di San Cesario di Lecce che impiega 43 persone, tra le quali molte famiglie, finite in cassa integrazione straordinaria per crisi.

Un imprenditore locale avrebbe presentato un’offerta per il negozio con la possibilità di salvaguardare, però, soltanto 5 posti di lavoro.

Il punto vendita di San Cesario, lo ricordiamo, non è l'unico nel Salento che ha chiuso i battenti: analoga sorte è toccata ai negozi di Surano, Matino e Casarano.

I problemi, per tutti, sono cominciati allorché la proprietaria del marchio, Shernon Holding, ha avviato la procedura di concordato preventivo.

Tornando, però, alla notizia del presunto acquisto, Daniela Campobasso di Filcams Cgil Lecce ha precisato che "non è corretto generare aspettative che, in questo momento particolare, possono provocare solo danni".

"Abbiamo ricevuto, dall'amministrazione straordinaria, questa notizia che valutiamo positivamente ma dobbiamo mantenerla nell'alveo delle possibilità e valutarla con cautela. Finché non vedremo accordi scritti e ratifiche ministeriali, preferiamo andarci con i piedi di piombo – ha spiegato -. Da troppo tempo ormai questi lavoratori vivono di precarietà e di voci che si susseguono incessantemente, e ogni volta si finisce con il fare un passo avanti e due indietro".

La prudenza espressa dalla sindacalista vale anche per il numero dei lavoratori che dovrebbe essere potenzialmente ricollocato, appena 5: "Se da un lato possiamo prendere in considerazione con cautela questa ipotetica manifestazione d'interesse, dall'altro siamo molto preoccupati perché se la proposta si dovesse concretizzare in questi termini, ci troveremmo con quasi 40 dipendenti tagliati fuori dall'accordo. I numeri sono risicati. Noi come potremmo ricollocare decine di persone, considerato che verremo fuori da un'emergenza sanitaria che sta già creando danni economici, in tutti i comparti produttivi? Occorre quindi valutare attentamente anche le ricadute occupazionali di questa possibilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, però, i dipendenti di Mercatone Uno potrebbero ottenere almeno gli ammortizzatori sociali previsti dal decreto "Cura Italia" e quindi usufruire della cassa integrazione ordinaria per 9 settimane. "La proroga della cassa integrazione straordinaria, per i lavoratori del gruppo, finirà il 23 maggio però il decreto parla espressamente di cassa ordinaria per le aziende che attualmente si trovano in cassa straordinaria – ha confermato Campobasso -. Potrebbe essere una buona opportunità che le segreterie sindacali hanno già proposto all'amministrazione straordinaria di Mercatone Uno: per questi lavoratori si produrrebbe uno slittamento degli ammortizzatori sociali e intanto potrebbero godere di una forma di sostegno al reddito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento