rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Le dichiarazioni / Centro / Piazza Tito Schipa

L'orgoglio dell'impresa leccese: “Non è un centro commerciale”

Nella presentazione del progetto esecutivo per piazza Schipa esposte le caratteristiche complessive dell'intervento. Il sindaco ricorda una riunione fiume nel 2017 con azienda e Soprintendenza

LECCE – La presentazione del progetto esecutivo per la riqualificazione di piazza Tito Schipa, che si è svolta oggi presso l'Open Space di Palazzo Carafa, è stata scandita dagli interventi dei protagonisti, a partire dall’ingegner Sergio De Nuzzo, titolare dell’impresa che, nonostante tutte le complicazioni nel frattempo sorte, ha sempre tenuto botta.

“Finalmente – ha esordito - siamo arrivati alla cantierizzazione, con l’intervento e il contributo di tutti i tecnici e del sindaco Carlo Salvemini che, con l’ex assessore Alessandro Delli Noci, ha dato una svolta per sbloccare i problemi con la Soprintendenza. Stiamo programmando l’avvio del cantiere per l’inizio di settembre. La durata dei lavori stimata è di quattro anni ma sarà nostro interesse completare l’opera prima possibile, a partire dal parcheggio interrato in modo da dotare subito la struttura di una funzionalità che tutti sappiamo quanto serva alla città”.

Il titolare dell’impresa ha poi voluto chiarire alcuni aspetti che nella narrazione di questi anni sono stati troppo semplificati: “Preciso che il progetto non prevede la realizzazione di un centro commerciale ma di un centro polifunzionale, un grande contenitore dove sono presenti, oltre ai parcheggi interrati, una grande superficie ceduta al Comune per l’area mercatale, una serie di negozi di vicinato impostati come una galleria che usufruisce del parcheggio e le funzioni direzionali ai piani superiori. Le piazze che saranno realizzate, che sono due, una anteriore e una posteriore al fabbricato, sono pensati come luoghi di socializzazione. Il complesso contiene anche un’area museale dove posizioneremo i reperti che la Soprintendenza ci concederà di esporre, con un info point turistico”.

parking-2

Il primo cittadino, da parte sua, ha ricordato come il fascicolo sull’area dell’ex Caserma Massa è stato uno dei primi da gestire una volta alla guida dell’amministrazione cittadina: “Nel 2017, appena insediatici, insieme all’assessore Delli Noci prendemmo in carico questa vicenda e ricordo una riunione con la ditta e la Soprintendenza la cui premessa fu sedersi e non alzarsi fino all’individuazione di una soluzione, esprimendo il fortissimo indirizzo politico a voler giungere finalmente all’apertura del cantiere. Oggi siamo qui, con l’assessore Nuzzaci che ha proseguito quel lavoro, ad annunciare la ripartenza della realizzazione di quest’opera. Ringrazio la ditta De Nuzzo per aver mantenuto l’impegno e la fiducia nel voler realizzare l’intervento, non era scontato dopo tutte le difficoltà e gli imprevisti sorti nel corso dei 17 anni che ci separano dal primo inserimento nel Piano delle Opere Pubbliche del Comune. Ringrazio il settore Lavori pubblici, il dirigente Puce e la funzionaria Cappello per aver lavorato strenuamente a questo obiettivo. A settembre la città dovrà misurarsi con l’avvio del cantiere di un’opera importante, che arricchirà l’area centrale di una molteplicità di funzioni”. 

All’assessore Nuzzaci la scorsa settimana è toccato di illustrare ai colleghi della giunta il progetto finale: “Mi sento onorato – ha dichiarato - di aver portato in giunta, su richiesta del sindaco, il progetto esecutivo che apre alla reale cantierizzazione dalla nuova Piazza Tito Schipa. Ringrazio la ditta De Nuzzo e il settore Lavori Pubblici, anch’essi sottoposti in questi anni al difficile lavoro che ha consentito di dipanare una matassa intricata, e ringrazio la Soprintendenza, con le dottoresse Piccarreta e Strafella e l’archeologo Mangia, il cui lavoro è stato di grandissimo supporto per gli uffici. Ho fatto una piccola richiesta all’azienda, cioè di intervallare le attuali pannellature in lamiera che delimitano il cantiere con strutture in plexiglass, in modo che la città possa vedere e toccare con mano l’evoluzione dei lavori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'orgoglio dell'impresa leccese: “Non è un centro commerciale”

LeccePrima è in caricamento