menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Dea del "Vito Fazzi" di Lecce.

Il Dea del "Vito Fazzi" di Lecce.

In una settimana raddoppiati i casi attivi e il numero dei pazienti in ospedale

Report settimanale di Asl Lecce: nel capoluogo e a Taurisano sono 112 gli attuali positivi. Stato clinico iniziale: sei volte su dieci è asintomatico. In ambito familiare la quota più significativa di infezioni

LECCE – Di poco inferiore all’8 percento, la quota dei tamponi positivi (375) sui singoli casi testati in provincia di Lecce (poco meno di 5mila), ribadisce il trend crescente dell’epidemia di Covid-19 anche nella settimana dal 30 ottobre a oggi, 6 novembre. 

Il dato, riportato nel consueto report settimanale di Asl Lecce*, è da intendersi per difetto e non si potrà considerare consolidato prima di una decina di giorni perché alcuni esiti, soprattutto dei test fatti nei laboratori privati, vengono inviati con ritardo alla Asl: ecco perché nello scorso report settimanale – per il periodo dal 23 al 30 ottobre - si indicava in 5,76 il rapporto tra positivi e casi testati, quando invece alla luce degli apporti successivi il dato risulta effettivamente pari a 6,57.

Riscontrati 581 nuovi positivi

La progressione significativa dell’infezione rimane confermata da tutti gli altri indicatori: 581 i nuovi casi accertati nell’ultima settimana, con un incremento degli attuali positivi da 412 a 862 (il dato è più che raddoppiato). I parametri ospedalieri dicono che negli ultimi sette giorni ci sono stati 48 ulteriori ricoveri. I degenti in questo momento sono 75: presso il reparto di Malattie Infettive del “Vito Fazzi” ce ne sono 40 (di cui nove portati da altra provincia), 12 sono in Anestesia e Rianimazione (sei da altra provincia) e 23 in Pneumologia Covid al Dea. Anche il dato dei degenti è raddoppiato rispetto alla precedente settimana (erano 38 il 30 ottobre, con nove da altra provincia). Undici sono stati i pazienti intanto dimessi, 130 le persone complessivamente guarite e due i decessi in ospedale (riferiti a pazienti di altra provincia), per un totale di 72 dall’inizio dell’epidemia.

A Lecce e Taurisano 112 i casi attivi

Anche dal punto di vista geografico si nota l’andamento epidemiologico in corso: un mese addietro erano 17 i comuni della provincia senza mai aver registrato un’infezione da Covid tra i propri residenti; il 30 ottobre il numero era sceso a cinque per arrivare a oggi, con il solo municipio di Palmariggi ancora senza casi.

I casi attuali nel Salento sono 862: gli incrementi settimanali maggiori sono stati registrati nel capoluogo, passato da 63 a 112; a Taurisano, da 4 a 112; a Racale, da 5 a 18; a Casarano da 12 a 22; Carpignano Salentino da 1 a 11; a Corigliano d’Otranto, da 7 a 16; a Galatina, da 20 a 29; a Matino, da 5 a 14; a Presicce Acquarica, da 0 a 10; a Ruffano, da 4 a 15; a Taviano, da 2 a 17; a Trepuzzi da 1 a 12.

Stato clinico iniziale: per 6 su 10 è asintomatico

Nel report settimanale di Asl Lecce sono state introdotte due nuove tabelle. Una descrive lo stato clinico iniziale (potrebbe poi essere evoluto) di 1.683 casi su 1.851 totali: il 61 percento era asintomatico, il 27 paucisintomatico, il 7,3 lieve, il 4,1 severo, lo 0,6 critico. L’altra descrive la ripartizione dei casi per luogo di esposizione ed è aggiornata a 730 casi su 1.851: nel 30,3 percento l’ambito di infezione è quello familiare, nel 17,4 afferisce a Rsa, case di riposo o comunità, nel 16,6 ad ambiente ospedaliero o di ambulatorio, nell’8,3 è riconducibile a centri di accoglienza per migranti, nel 7,4 al lavoro, nell’1 per cento dei casi a viaggi in nave e crociere e per il 19 percento ad altri luoghi.

Scarica il Report Asl 6 novembre

*Il report è a cura di Fabrizio Quarta, direttore dell'Unità operativa complessa di Epidemiologia e Statistica, con la collaborazione di Angela Metallo e ed elaborazione dati di Carlo Indino. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento