rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Attualità Gallipoli

Valorizzare mare e pesca: centralità e progetti trainanti del Gal Terra D’Arneo

Nella location di Gallipoli una giornata dedicata al mare e alle sue risorse con la prima presentazione dei progetti del Gruppo d’azione locale che ha posto il settore ittico al centro delle politiche di sviluppo dei territori costieri. Libri, video emozionali e l’impiego dei fondi per innovazione e tutela

GALLIPOLI - Tradizione, sostenibilità e il “gusto” accattivante del mare che bagna le terre d’Arneo. La grande sfida che unisce la sinergia tra terra e mare e le nuove politiche di sviluppo dei territori costieri, al centro della programmazione del Gruppo d’azione locale delle terre d’Arneo, sono state dipanate in una giornata interamente dedicata al mare e alle sue risorse nella prestigiosa location delle Cantine Coppola, in agro di Gallipoli.

E’ lì che, nella mattinata di venerdì, si è svolto l’incontro che ha visto la presentazione degli ultimi progetti del Gal, guidato da Cosimo Durante, nell’ambito dell’intervento “Sportello pesca” finanziato dal Po Feamp 2014/2020 (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca). Il gruppo d’azione locale è infatti attuatore di una strategia di sviluppo locale plurifondo che integra i fondi dell’agricoltura e della pesca per uno sviluppo armonico ed equilibrato del territorio. In tale direzione il Gal Terra d’Arneo sta portando avanti, in questi anni, un progetto pilota, unico in Italia, voluto dalla Regione Puglia.

E sono già diverse le risorse convogliate e impiegate, per diverse centinaia di migliaia di euro, utilizzate per implementare e attrezzare i luoghi deputati al settore ittico e per rendere la pesca e le risorse del mare un importante volano di sviluppo dell’economia e per l’attrattività territoriale delle zone costiere ad esempio di Gallipoli, Porto Cesareo e Santa Caterina (con la modernizzazione dei punti di sbarco, la nascita dei nuovi mercatini ittici a km0, l’implementazione di nuove sezioni di degustazione del prodotto pescato come nel caso della Vetrina del Gusto di Nardò, l’infopoint di Porto Selvaggio). Il tutto sempre in stretta connessione e in abbinamento con la produzione enogastronomica e le specificità integrate dei dodici territori associati della terra d’Arneo, favorendo la piena tracciabilità del prodotto fresco accanto agli altri prodotti tipici del territorio.

IMG_444-3

Il GaL Terra d’Arneo oggi è anche Flag, ovvero gruppo di azione locale costiero e questo perché si occupa, in via sperimentale, anche di pesca e spinge sul miglioramento del territorio attraverso attività e produzioni connesse con l’identità locale. In primo piano l’agroalimentare, il settore artigianale, quello turistico-ricettivo insieme ai servizi culturali e ambientali. Inoltre, negli ultimi anni, unendo a quest’ultimi anche il settore strategico e importate quale è quello della pesca. L’intervento “Sportello pesca”, di cui il Gal ha la titolarità, si compone di diverse azioni a favore dell’innovazione nel mondo ittico, della formazione ai pescatori, dell’educazione ambientale e dell’integrazione tra l’entroterra e i comuni rivieraschi.

“Il nostro Gal, nel suo ruolo di Flag, sta investendo in progetti innovativi che possano raggiungere in modo capillare le comunità, dialogando in via prioritaria e diretta con le scuole e con i cittadini” spiega Cosimo Durante, presidente del Gruppo d’azione locale, “riponiamo soprattutto nei ragazzi grandi aspettative, perché il loro coinvolgimento può impattare positivamente sulle abitudini alimentari, sul rispetto ambientale e sulla valorizzazione dei mestieri e dei prodotti della pesca, tutte tematiche che stanno a cuore al nostro Gal”.

Nell’ambito della giornata divulgativa e di sensibilizzazione l’incontro ha consentito di raggiungere un’ampia platea per diffondere gli obiettivi progettuali consistenti nel sensibilizzare gli operatori del mare e i cittadini verso l’adozione di comportamenti più sostenibili e rispettosi del mare e dei suoi prodotti. 

IMG_222-2

La giornata tra terra&mare

Una giornata per celebrare il mare, i suoi protagonisti e le sue risorse attraverso i progetti del Gal Terra d’Arneo amalgamati tra tradizioni, sostenibilità e gusto dei sapori del mare e della pesca. 

Alla presenza dei giornalisti, sono intervenuti il sindaco Gallipoli e presidente della Provincia, Stefano Minerva, il presidente del Gal Terra d’Arneo, Cosimo Durante e l’autorità di gestione del Po Feamp della Regione Puglia, Domenico Campanile. A coordinare i lavori il direttore tecnico del Gal, Giosuè Olla Atzeni.

Presenti in sala anche il comandante della capitaneria di porto di Gallipoli, Pasquale Vitiello (che ha rammentato la necessità del lavoro di squadra per tutelare e valorizzare le risorse del mare e del comparto ittico e la vicinanza e collaborazione attiva della guardia costiera), amministratori dei Comuni del comprensorio del Gal e dirigenti scolastici.

Hanno partecipato all’evento anche Massimo Vaglio, che ha presentato il suo libro “Pesci ricchi, pesci poveri-Guida all’utilizzo delle specie ittiche nel mare della Terra d’Arneo”, edito da Cooperativa Espera, e Davide Micocci di Ientu Film che ha proiettato i suoi video tematici ed emozionali realizzati tramite documentazioni, registrazioni e interviste ai pescatori.

IMG_1112-9

I bio-video

Nell’ambito dell’Intervento dello Sportello Pesca-Pal, Parco della qualità rurale terra d’Arneo, il Gal, su sollecitazione delle comunità locali di pesca, ha ritenuto di approfondire le tematiche delle tradizioni di pesca oggi scomparse e dei metodi di pesca attualmente in uso in Terra d’Arneo attraverso la realizzazione di tre video.

I lavori, realizzati da Ientu Film in versione bilingue (italiano ed inglese), sono frutto di un attento studio delle fonti bibliografiche oggi disponibili e ricostruzioni tramite registrazioni di interviste ai pescatori. 

La pesca costiera in Terra d’Arneo

Un breve documentario che, con riprese e ricostruzioni digitali, illustra le principali tecniche di pesca costiera attualmente utilizzate nell’area costiera del Gal Terra d’Arneo (Gallipoli, Galatone, Porto Cesareo e Nardò). La bellezza dei paesaggi costieri dell’area lascia il passo alla spiegazione dei principali metodi di cattura del pescato. La narrazione è affidata alla voce di un pescatore professionista.

Il Sistema delle tonnare in Terra d’Arneo

Graphic motion che ricostruisce la storia del “sistema delle tonnare in Terra d’Arneo”. Il video consente di rivivere secoli di vicende legate al sistema delle tonnare nei comuni rivieraschi del Gal e ci aiuta a comprendere quanto sia stata importante dal punto di vista economico e sociale questa forma d’impresa legata al mare. La più importante tonnara presente in Terra d’Arneo è quella che dal 1327 al 1973 ha lavorato incessantemente a Gallipoli. Una storia avvincente che ha plasmato l’intera comunità.

La ‘ncannata di Porto Cesareo

Graphic motion che ricostruisce una storia antica e poco documentata relativa ad uno dei metodi di pesca utilizzati in passato dalla comunità di Porto Cesareo. Disegni e racconti dei più anziani pescatori del luogo si alternano nella narrazione, a testimoniare questa pratica antica e brutale che consisteva nel circondare interi banchi di pesci che, per fuggire, saltavano direttamente nelle reti della “ncannata”. Una trappola costruita ad arte dai pescatori che consentiva di catturare enormi quantità di pesce.

La giornata-evento si è conclusa con un momento di convivialità e una degustazione di prodotti ittici locali curata dalla Rete nazionale degli Alberghieri dell’ittico con la quale il Gal Terra d’Arneo ha in essere una collaborazione.

20_maggio_2022_3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valorizzare mare e pesca: centralità e progetti trainanti del Gal Terra D’Arneo

LeccePrima è in caricamento