menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pier Cortese.

Pier Cortese.

A Novoli, live di Pier Cortese. Rap cubano a Squinzano

Ennesimo appuntamento per la rassegna "Tele e ragnatele" con il cantautore dalle sonorità gentili Pier Cortese; all'Istanbul il rap sociale di Cuentas Claras; al Blue Caos la Corte degli Sciuscià

NOVOLI - Musica d'autore nella programmazione musicale della Saletta della Cultura "Gregorio Vetrugno" di Novoli: la rassegna "Tele e ragnatele", curata da Mario Ventura e organizzata in collaborazione con Coolclub, grazie al sostegno della Regione Puglia, propone da anni alcuni tra i più rappresentativi esponenti della musica d'autore italiana. Sabato 18 dicembre appuntamento con Pier Cortese, da diversi anni protagonista di un'intensa attività live.

Divide il palco con diversi artisti come Carmen Consoli, Max Gazzè, Paola Turci Mario Venuti riscuotendo larghi consensi di critica e di pubblico. Nel 2004 è finalista al "Giffoni music contest", poi nel 2005 al "Musicultura festival" e nello stesso anno il suo primo singolo "Souvenir" e tra le prime 10 canzoni più trasmesse da tutti i network radiofonici e televisivi. Nel 2006 esce il suo primo album "Contraddizioni" e viene premiato come miglior artista esordiente al "Premio Mia Martini". Estrae dal disco ben cinque singoli fino ad arrivare sul palco di Sanremo con la canzone "Non ho tempo".

Nel frattempo è attivo in varie collaborazioni e scrive e realizza con "Mondo Marcio" il singolo "Tutto puÚ cambiare". Nel 2007 e nel 2008 diventa "cantautore portatile" di un programma di musica e cibo, "Stelle e padelle", trasmesso e replicato per tutto l'anno da All Music e Discovery channel dove duetta con gli artisti più importanti della scena nazionale. La scorsa estate 2009 è uscito il suo secondo disco "Nonostante tutto continuiamo a giocare a calcetto" ed è ancora protagonista nelle radio con "Grazie" prodotta insieme ai Planet Funk. Nell'autunno dello stesso anno "Ercole" (traccia estratta dal suo ultimo disco) è colonna sonora del nuovo film di Marco Costa: "Piazza Giochi". Dopo due dischi e numerose collaborazioni Pier ritorna sul palco a raccontare nuove prospettive live.

Musica cubana all'Istanbul Cafè di Squinzano in questo sabato di dicembre. Con ingresso tra i 3 ei 5 euro, appuntamento alle 23 con la musica dei Cuentas Claras, progetto nato nel 2003. I temi di cui raccontano nei loro testi i Cuentas Claras sono quelli dei mali del mondo, della vita e dei suoi problemi. C'è una dimensione globale ma c'è anche una intima, personale. Poesia urbana per raccontare la realtà dell'Avana. Il tentativo, riuscito, del gruppo è quello di mescolare il rap con i ritmi peculiari di Cuba e con i diversi generi musicali che i componenti del gruppo hanno attraversato,dalla musica tradizionale cubana, al jazz, al funk.

Questo lavoro di fusione è un tratto comune nei raperos cubani che non possono rinunciare alle sonorità dell'isola. I Cuentas Claras sono in Italia per presentare il progetto El topo Producciones, tentativo di produzione indipendente nella città dell'Havana El topo opera soprattutto alla Madriguera, una specie di centro sociale autogestito dall'interessante e super attiva Associazione Hermanos Saiz. La Madriguera è il cuore pulsante dell'underground cubano. Il progetto El topo nasce da una sinergia e un amore comune per la musica.

Al Living discoteca Puglia di Maglie musica dalle 22 con lo special dj Android from Negramaro. Al Sashon di Salve Secret Party con le selezioni musicali di Max Del Buono e la musica dagli anni '70 ad oggi. Al Sinatra hole Live pub di Ugento, appuntamento live alle 22, con la musica d'autore Italiana: ad esibirsi in concerto i Mauvaise Reputation, che dedicheranno l'intero concerto al più grande cantautore e compositore italiano: Fabrizio De Andrè. La band nota per la fedeltà delle sonorità e dei toni è composta da Luca Colella (chitarre & voce), Giuseppe Ferilli (chitarre, mandolino, bouzouki, piano), Giuseppe D'Amico (basso & coro), Carlo Ferilli (batteria, djembè, didjeridoo), Valentina Marra (violino), Rocco Marzo (chitarra). Info e prenotazioni: 338/2732095

All'Hyd Bar di Otranto, una band travolgente: si canta a squarciagola dalle 22 con i Vascolive. Il gruppo riproporrà i più bei brani di una delle più grande rockstar italiana ed è composto da Renzo Di Mola (chitarra), Valerio Corrado (tastiere), Stefano Bianco (basso), Nico Lupo (batteria), Tonio Pappadà (voce). Serata organizzata da Music Empire, per info. 3886563911

Dalle 23, con ingresso a 5/7 euro, all'Arena Live Music di Carpignano Salentino dopo il grande successo del primo appuntamento di novembre, ritorna Italian Job, rassegna dedicata agli artisti più rappresentativi del panorama reggae, dance hall e hip hop italiano e non solo. Il secondo appuntamento vedrà sul palco Biggie Bash di BoomdaBash, i romani Dancehall Soldiers, gli Heavy Hammer, vincitori del Riddim Clash e tanti ospiti.

Al Blue Caos di Gallipoli in concerto La corte degli Sciuscià: dall'irriverente eleganza di Nada e Graziani alla visionaria ricerca di Battisti e De Gregori, dall'avanguardia di Gazzè e Battiato al progressive dei Balletto di bronzo e della Formula 3, in un fresco sound tutto settantino, il gruppo riarrangia e propone cover italiane, talvolta dimenticate, dal sicuro effetto.

Con inizio alle 22 ed ingresso gratuito, al Vite! di Nardò nuovo appuntamento della rassegna di improvvisazione di teatro e musica "Sabato Jazz Cabaret", a cura di Antonello Taurino in collaborazione con il collettivo Democomica. Sul palco Flavio Pirini (Premio Gaber, Zelig Lab), un cantautore non tradizionale, sarà affiancato da Raffaele Casarano.

Pur appartenendo al mondo della canzone d'autore, la passione di Pirini per il comico lo ha portato a mescolare elementi poetici e ironici. Alle canzoni è affidato il personale racconto dell'uomo e la fatica del vivere, brani di notevole spessore contenutistico oltreché interessanti sotto il profilo musicale. La comicità introduce e alleggerisce i concetti più profondi, la risata è liberatoria e predispone all'ascolto di storie o pensieri di altra natura.

L'attenzione poi verso la società inserisce punti di critica che però difficilmente si riferiscono direttamente ai personaggi del potere, piuttosto vengono evocati comportamenti e pensieri in un tempo imprecisato. Si crea quindi un'alternanza di emozioni, una libertà per l'interprete di esporre varie sfaccettature, anche stilistiche. Si passa dalla canzone d'autore al racconto in musica, dalla canzonetta umoristica al monologo, dalla lettura di brani letterari alla filastrocca satirica.

L'insieme mette in luce la sensibilità dell'autore e la propria "filosofia" che intende sottolineare la coesistenza dei due opposti gioia e dolore. Queste caratteristiche rendono il personaggio Flavio Pirini difficilmente classificabile secondo i consueti canoni di genere musicale. È un artista che si muove in un territorio di confine, senza stonare sia sulla pedana di un club che sul palcoscenico di un teatro. Se è pur vero che c'è un esplicito riferimento al teatro-canzone tuttavia, secondo egli stesso, il teatro-canzone slegato dal suo ideatore ed interprete Giorgio Gaber, può solo forzatamente essere considerato un genere. Pirini, anche per evitare irrispettosi parallelismi con il maestro, preferisce definire il proprio stile come "Circa, intorno, quasi teatro canzone".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento