Martedì, 27 Luglio 2021
Eventi

Chiusa "Birra & Sound", ma il progetto futuro è coinvolgere l'intero Salento

Dopo sei giorni di festa all'interno dell'area mercatale di Leverano, trasformata in cittadella della birra, si guarda già ai prossimi progetti. Zecca rilancia: "Presto il birrificio. Punteremo forte al legame con il territorio"

foto di Antonio Quarta

LEVERANO - Sei giorni di festa e risultati positivi per "Birra & sound" nell’area mercatale di Leverano, trasformata da Mebimport in una cittadella della birra, secondo gli stili e le tendenze delle feste organizzate nel centro-nord Europa. Le ragioni del successo della manifestazioni sono attribuibili all'organizzazione, alla ricca proposta musicale, alla gastronomia di qualità.

Fiore all’occhiello di Birra e Sound 2013 è stata su tutto, la qualità delle birre spillate, presenti tutti i migliori marchi internazionali, ed importante è stato lo sforzo dei partner dell'evento. Anche in quest’edizione si è svolta in totale sicurezza, grazie ad un imponente servizio d’ordine interno sia grazie alla “compostezza” ed alla responsabilità che i visitatori/degustatori hanno dimostrato.

Soddisfatti gli organizzatori, da Maurizio Zecca, fondatore ed amministratore di Mebimport, a Maride Muci responsabile marketing, a Sergio Pugliese supervisore e coordinatore del comparto food, tutti coadiuvati dai rispettivi staff. La scommessa futura si chiama “Birra Salento": “Il nostro sogno si coronerà molto presto con la costruzione del birrificio di Leverano, previsto a stretto giro, in un’area limitrofa a Mebimport - afferma Zecca-, potremo contare su un impianto di  cottura importante con una capacità produttiva altrettanto importante".

"Porteremo avanti il tavolo tecnico - precisa - avviato nei mesi scorsi con le principali istituzioni del territorio (Università del Salento, Cnr, Coldiretti ed altre realtà dell’agroalimentare) relativo alla conversione della filiera produttiva ed al controllo della qualità già avviato negli ultimi anni con la produzione a Torino delle birre del marchio Birra Salento, ma che dall’anno prossimo dovrebbe essere più agevole, almeno dal punto di vista geografico".

"Punteremo forte - conclude - sul legame con il territorio sia attraverso il nome delle birre sia attraverso il birrificio stesso, ed anche grazie ad accordi mirati con le realtà agroalimentari  per avere a disposizione soltanto orzo pugliese”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusa "Birra & Sound", ma il progetto futuro è coinvolgere l'intero Salento

LeccePrima è in caricamento