Sport

Nasce l’albo degli striscioni: servirà a colorare il Via del Mare?

L’Osservatorio per le manifestazioni sportive ha istituito una procedura più rapida di quella in vigore per consentire l’ingresso degli striscioni. Come il voucher, è una modalità operativa per riavvicinare i gruppi organizzati

Foto di Andrea Stella

 

LECCE – L’Osservatorio nazionale per le manifestazioni sportive istituito presso il Viminale, ha dato il via libera all’Albo degli striscioni. La notizia è stata data on-line dal quotidiano La Repubblica. Invece di inviare ogni volta una richiesta via fax ed attendere l’autorizzazione, basterà inoltrare una sola richiesta all’inizio del campionato. La valutazione spetta ai gruppi operativi speciali delle varie questure e per il momento sarebbero giunte già 350 richieste per la B e la Lega Pro.

Nulla toglie che se qualche striscione dovesse essere pensato a stagione in corso, la richiesta può essere richiesta in qualsiasi momento e, se approvata, varrà per tutte le gare, sia in casa che in trasferta. L’obiettivo è chiaramente quello di provare a riavvicinare i gruppi organizzati, almeno quelli meno oltranzisti, anche perché vedere i settori ospiti sempre più vuoti non giova allo spettacolo e nemmeno alle inquadrature televisive.

Una finalità simile, insomma, a quella che ha portato all’introduzione del voucher, un abbonamento di fatto – in formato elettronico - che evita la sottoscrizione delle tessera dal tifoso. Il Lecce lo ha fatto, seguendo l’esempio della Roma. Serviranno, voucher e albo, a colorare di nuovo la Curva Nord del Via del Mare dove proprio domenica scorsa, in maniera clandestina, è riapparso “Ultrà Lecce”? 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce l’albo degli striscioni: servirà a colorare il Via del Mare?

LeccePrima è in caricamento