Betitaly Maglie domina a Scafati e torna a conquistare i tre punti

L’inciampo di una settimana fa contro Castelvetrano è stato una sorta di sassolino nelle scarpe delle atlete magliesi, piuttosto fastidioso, ma prontamente ricacciato via

GIVOVA SCAFATI  -  BETITALY MAGLIE   0-3

(14-25/23-25/23-25)

L’inciampo di una settimana fa contro Castelvetrano è stato una sorta di sassolino nelle scarpe delle atlete magliesi, piuttosto fastidioso, ma prontamente ricacciato via. C'era da guardare oltre, pensando alle cose belle e positive di un gruppo tenace e irriducibile. L’ostacolo si chiama Scafati. Le campane partono bene, ma il Maglie stringi i tempi e sale su un rincuorante 8-4.

Scafati al turno di battuta prova a non spezzare il fiato per rincorrere, ma le rossoblù sfruttano  il momento e rendono ancora più chiare le intenzioni apostrofando un maiuscolo 11-5 con un siluro della Ferro. La sfida è un monologo magliese : Russo e Corna si danno un gran da fare a rete per aumentare il gap fino al 17-9. Si gioca con il ritmo giusto in casa Betitaly, ma Scafati prova la carta dell’orgoglio per stare a galla. Non serve : le salentine concedono qualche attimo di relax per poi tornare a martellare pesantemente. 25-14 e scusate se non è chiaro chi ha dominato.

Nel secondo gioco un errore al servizio delle padrone di casa concede il vantaggio alle atlete di Giandomenico ed una immensa Corna sfonda al centro. Scafati, però, sembra aver ritrovato vigore e non lascia spazio a Kostadinova e compagne. E prova lo stacco sul 10-8. Si procede a braccetto con Ferro che mette apprensione dalla sinistra. Per le salernitane serve riprendere fiato perché il Maglie è ormai in corsia di sorpasso sul 19-16. L’ennesimo immenso muro della Corna, poi, apre orizzonti interessanti. Le campane non perdono fiducia e si dannano l’anima fino ad un insperato 22-22. Time out per la Betitaly : ritrovare la concentrazione.

Missione compiuta. Prima una gaffe delle locali, poi la fiondata della Colarusso. Secondo set in cassaforte e profumo di tre punti nell’aria. Nel terzo game il Maglie resta più ficcante delle giallonere di casa che soffrono il muro delle salentine. Il punteggio dà morale sul 3-4 e tutto sotto controllo. Una buona serie al servizio riavvicina le campane, ma il muro salentino resta insormontabile. La Givova traballa nuovamente sull’ 8-10. Time out. Qualcosa cambia e il punteggio torna il parità sul 13-13. Il set non subisce scossoni, ma Scafati incanala una buona serie al servizio. Le ragazze terribili di Bavia, però, hanno fame di vittoria e aumentano il voltaggio sul 19-17. Non ci si puo’ distrarre, però. Le padrone di casa si rifanno sotto e vendono cara la pelle fino al 23-24. Il fendente magliese, però, spezza ogni speranza. Si torna a casa con tre punti luccicanti come il sole.

Francesco Paglialonga

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ufficio Stampa Volley Maglie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento