Sport Gallipoli

Il Gallo conferma la legge del Bianco: Botrugno battuto

Con una partita tutta cuore e grinta il Gallipoli batte il Botrugno in rimonta e conquista la sesta vittoria consecutiva

DS3_2181

Dopo una partita pirotecnica e, a tratti, nervosa in cui succede di tutto, il Gallipoli ottiene il sesto successo di fila su un Botrugno compatto e cinico nel primo tempo, svogliato e rinunciatario nella ripresa. Dopo il Galatina un'altra big del girone cade nel fortino giallorosso.

Favonio, costretto a rinunciare a Larrosa e a De Razza, bloccati dal giudice sportivo, perde nell'immediata vigilia anche il difensore Emanuele Serìo, fermato dalla febbre. A sinistra gioca il gallipolino doc Urso con Ancora a destra e la coppia Tarantino-Marquez a completare la linea arretrata. A centrocampo si rivede Pistelli con Obinna, Malcore e capitan Coccioli a sostegno del tandem d'attacco Prest-Scuglia, quest'ultimo ex di turno. Dall'altra parte il tecnico Inglese schiera Giovanni Riccardo, altro ex mai dimenticato in riva allo Ionio. Scene da libro cuore con la Sud che tributa un lungo applauso all'esterno che risponde commosso.

Il Gallo parte forte con Malcore che, al 4', ha l'occasione giusta per sbloccare il risultato: pescato da Coccioli in piena area perde il tempo giusto per la conclusione e Cucugliato sventa. E' un fuoco di paglia perché è il Botrugno a prendere le redini del gioco. Pur non creando grandi occasioni i ragazzi di Inglese si fanno preferire durante gran parte della prima frazione; al 10' Ciardo cerca la porta con un destro al volo che si spegne alto sulla traversa. I giallorossi di casa sembrano bloccati, Favonio inverte gli esterni d'attacco, ma la mossa non porta agli effetti sperati e gli ospiti passano: minuto 14, capitan Mortari scaglia un destro dai venti metri che trova l'involontaria, ma decisiva deviazione di Ancora. Negro battuto e ospiti in vantaggio.

Passano sette minuti e il Gallo ristabilisce la parità con Tarantino: Cucugliato respinge male una punizione di Coccioli, la sfera finisce tra i piedi di Pistelli, l'argentino scocca un tiro che il centrale di testa corregge in rete. Al 32' Negro neutralizza un tiro di Mortari, il più in palla dei suoi; dopo quattro minuti l'estremo gallipolino deve ripetersi in uscita su Galati pescato in profondità dal solito Mortari. Sul capovolgimento di fronte il Gallipoli passa in vantaggio con Scuglia servito da un tiro cross di Coccioli, ma è tutto vanificato dalla segnalazione del primo assistente dell'arbitro Montaruli. Non c'è tempo di smaltire la delusione che cala il gelo sul "Bianco". Al minuto 40 Mortari calcia una punizione insidiosa che Negro, questa volta un po' incerto, respinge sui piedi di Galante: controllo e destro all'angolino per il nuovo vantaggio del Botrugno. Non succede più nulla, squadre al riposo sull'1-2.

Nella ripresa si accendono i toni della gara e i cartellini si sprecano. Alla fine saranno undici i calciatori ammoniti. All'8' Pistelli entra in scivolata su Allegrini: secondo giallo e doccia anticipata per l'argentino. Il Gallipoli, versione 2011, non è una squadra che si arrende, tutt'altro. I ragazzi di Favonio si gettano all'attacco con grande cuore e grinta sbaragliando un Botrugno che, forse un po' ingenuamente, pensa di aver già vinto l'incontro. Al 10' Scuglia tenta il pallonetto, ma trova la risposta del portiere ospite; il pubblico capisce il momento e spinge i giallorossi al pareggio: minuto 13, solita punizione magistralmente calciata da capitan Coccioli, spiovente in area che trova lo stacco imperioso di Tarantino per il 2-2. Doppietta per il difensore centrale a coronamento di una prestazione perfetta. Il Gallo non s'accontenta e continua a spingere sulle ali dell'entusiasmo; passano sei minuti e il sorpasso è servito: Malcore, dopo una mischia in area, piazza il pallone all'incrocio con un destro secco e preciso.

Il Botrugno cerca disperatamente di recuperare una partita che aveva in pugno, ma prima Tramacere, poi Galati trovano di fronte un insormontabile Massimo Negro. Al quinto dei sei minuti di recupero Coccioli chiude i conti: contropiede fulmineo, assist di Prest per il capitano che batte Cucugliato in uscita per l'apoteosi finale. Finisce 4-2 per i giallorossi del presidente Caputo. Al termine qualche coda polemica e un piccolo parapiglia in mezzo al campo ma niente di più.

Il Gallipoli continua ad avvicinarsi alle zone importanti della graduatoria anche se davanti non molla nessuno. Il Botrugno visto al "Bianco" è squadra ben messa in campo con individualità importanti e fino alla fine lotterà per il traguardo. Con il Maglie sempre più primo e con un piede in Eccellenza resta solo un posto a disposizione. Ci sarà da divertirsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Gallo conferma la legge del Bianco: Botrugno battuto

LeccePrima è in caricamento