Sport

Il ritorno da allenatore di Padalino: firmato un contratto biennale

Il nome del nuovo allenatore del Lecce era nell'aria ed è stato annunciato dalla società nel pomeriggio. Domani la presentazione. Giocò in giallorosso negli anni '90 ed arriva dal Matera

Pasquale Padalino (foto Chilla).

LECCE – La sua nomina era nell’aria. Pasquale Padalino è il nuovo allenatore del Lecce. E’ stata la stessa società a comunicare in queste ore, in modo ufficiale, la nomina della conduzione tecnica a un uomo che, nella precedente carriera da calciatore, ha vestito come ben si ricorderà anche la maglia giallorossa.

Padalino, con il quale è stato sottoscritto un contratto biennale, arriva dal Matera. La presentazione avverrà domani mattina, presso la sala stampa "Sergio Vantaggiato" dello stadio “Via del Mare”. Ma intanto, c'è già l'accordo e il presidente onorario Saverio Sticchi Damiani ha voluto preannunciarlo, per dare un segnale all'ambiente ancora scottato dall'ennesima uscita di scena ai play-off.

Un pugliese alla guida dei giallorossi, dunque, e che conosce anche l’ambiente, per aver disputato una stagione al "Via del Mare". Era il 1993-94. Fu, per la verità, una delle peggiori annate della storia calcistica salentina. Jurlano mollò il timone a Bizzarro e i giallorossi, appena risaliti in A con Bruno Bolchi in pachina (sostiutito prima da Sonetti e poi a novembre da Rino Marchesi), con una formazione smembrata e vistosamente carente in ogni reparto per la categoria, affondarono chiudendo il campionato ultimi con solo 11 punti. Padalino collezionò trenta presenze e fu, con tre reti, uno dei migliori marcatori. Sua la rete che permise, il 20 febbraio del 1994, di superare in casa l'Udinese in una delle tre vittorie rimediate in campionato. 

Padalino, forte dell’esperienza già maturata in passato e nel pieno del vigore (solo due anni più tardi sarebbe stato anche convocato in nazionale), fu fra i pochi ricordati quell’anno per l’impegno nel naufragio generale.

padalinosticchi-2Curiosamente, quelli furono i prodromi di un tracollo ancor più pesante, perché l’anno successivo (il difensore centrale nel frattempo si era accasato nuovamente in quel di Foggia, dov’era cresciuto in tutti i sensi), il Lecce finì anche in serie C. Per poi rinascere solo dopo, finalmente, a nuova vita.

Terminata la carriera da calciatore nel Como, Padalino ha poi iniziato quella di allenatore, sotto l’ala di Giampiero Ventura (prossimo tecnico della Nazionale). Stagioni da vice nel Verona e nel Pisa dal 2006 al 2009, poi Nocerina, Foggia (portando i dauni dalla serie D alla promozione in Lega Pro), Grosseto e Matera, con cui ha chiuso quest’anno al sesto posto. Amante del calcio offensivo, il neo tecnico gialloroso è un cultore del 4-3-3, modulo (non a caso) di "venturiana" memoria. 

Al momento pende sul tecnico di origine foggiana una squalifica di quattro mesi, per una vicenda legata proprio alla conduzione della Nocerina, per aver percepito alcune migliaia di euro in nero. Il che non avrà alcuna influenza, dato che scadrà a luglio.

Le strade di Lecce e Padalino, ora, s’incrociano di nuovo. E se da calciatore era arrivato in un momento di caos, ora da allenatore vi approda in un periodo storico in cui è in atto una nuova rifondazione dei giallorossi e in cui gli obiettivi dichiarati restano quelli di ritornare nelle sfere che contano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno da allenatore di Padalino: firmato un contratto biennale

LeccePrima è in caricamento