menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Pettinari.

Stefano Pettinari.

"Last but not least", Pettinari lavora per una stagione da protagonista

L'anno scorso 17 gol con il Trapani, poi il ritorno al Lecce dove nella stagione 2018/19 aveva avuto qualche problema di troppo. Ora in buone condizioni dopo una lombalgia, può recuperare il terreno perso

LECCE – Tesserato per ultimo, anche oltre il termine di chiusura della campagna trasferimenti a causa dalla particolare prospettiva di fallimento che incombeva sul club di appartenenza, il Trapani, poi effettivamente concretizzatasi, Stefano Pettinari è pronto a mettere in discussione le gerarchie intanto delineate nel reparto offensivo del Lecce.

In Sicilia il 28enne romano ha fatto molto bene, con 17 reti in 35 gare: un bottino che gli è valso il secondo posto nella classifica dei cannonieri della cadetteria, nonostante la retrocessione dei granata. “Sarebbe stato il capocannoniere – ha precisato Pantaleo Corvino nel corso dell’odierna presentazione – se non si tenessero in conto anche i calci di rigore”.

Il direttore tecnico, come di consueto, ha fatto una breve presentazione: “Ritorna con noi dopo l’esclusione dei siciliani, ma da parte nostra c’è molta soddisfazione, perché va a infoltire un reparto importante. Ha avuto qualche problema per una lombalgia che ora ha pienamente superato e sono sicuro che sarà disponibile già contro la Reggiana”.

Il diretto interessato, dopo aver ringraziato il direttore, ha ribadito: “Il mio è stato un arrivo last minute. A Trapani ho avuto un’ulteriore crescita, ma anche a Pescara avevo fatto bene (13 gol nella stagione 2017/18, ndr). Spero ora di confermarmi, nella precedente esperienza in giallorosso ho avuto soprattutto problemi fisici, come uno stiramento, per la prima volta nella mia carriera. Poi a metà campionato la decisione presa d’intesa con l’allenatore (Liverani) di separarci”.

“Non ho fatto una vera preparazione perché a Trapani non ci facevano nemmeno entrare nello stadio – ha aggiuto Pettinari -. Ho iniziato ad allenarmi davvero qui, ma ho avuto un problema alla schiena. Vorrei trovare continuità di rendimento, ma devo conquistarmela. È su questo che sono concentrato, poi del contratto, che è in scadenza a giugno, se ne parlerà successivamente”.

L’attaccante ha detto di preferire il ruolo di prima punta, ma anche di essere abituato a più moduli, essendo stati impiegato sia nel 4-3-3, sia nel 3-5-2: “Penso di poter giocare con chiunque, anche con lo stesso Falco. Non vedo grandi problemi da questo punto di vista”. La concorrenza nel reparto offensivo del Lecce è di altissimo livello: Coda, Stepinski, Falco, il giovane Rodriguez. Per Pettinari una sfida, per la squadra una grande potenzialità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Stanchezza in primavera, ecco perché

  • Sicurezza

    Come utilizzare l’aceto per le pulizie di casa

  • Cucina

    Melanzane marinate all’aceto, fresche e veloci

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento