Lecce, di nuovo negativi i tamponi. Infortunio, lesione al flessore per Dermaku

Due buone notizie e una negativa in casa giallorossa. Le prime riguardano la riprova del test per il Covid, l'altra il difensore: fuori per almeno due settimane

LECCE – Due buone notizie e una negativa in casa giallorossa, come strascico della singolare situazione venutasi a creare a poche ore dal match di domenica scorsa a Cosenza (finito 1 a 1), quando due tesserati dell’Unione sportiva Lecce – un calciatore e un componente dello staff – sono apparsi inizialmente positivi al tampone per rilevare l’eventuale infezione da Covid-19, salvo poi, a un secondo test, risultare negativi.

Le due buone notizie riguardano, appunto, proprio il tampone.  I due tesserati, infatti, positivi al tampone del venerdì precedente alla gara e negativi al secondo, eseguito nel ritiro di Rende nella notte di domenica, ieri mattina sono stati sottoposti a un ulteriore ciclo di test molecolari. E anche questa volta l’esito è stato negativo. Ad annunciarlo, in una una nota, il club di via Costadura.

La notizia negativa, invece, riguarda la condizione del difensore Kastriot Dermaku. Il calciatore albanese si è sottoposto questa mattina a una risonanza magnetica presso lo studio radiologico Quarta Colosso di Lecce. L’esame ha evidenziato una lesione di primo grado al flessore della gamba destra che potrebbe quindi tenerlo lontano dai campi di gioco, indicativamente, per due o tre settimane.

Dermaku si è infortunato proprio nei primi minuti di gioco (all’8°), nel corso di un’azione d’attacco del Cosenza, che l’ha obbligato ad abbandonare il terreno di gioco, facendo spazio a Meccariello. È quindi da ritenersi certo che Dermaku salterà la prossima sfida, fra le mura amiche, con il Pescara, prevista per le ore 21 di lunedì 2 novembre.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

Torna su
LeccePrima è in caricamento