Domenica, 13 Giugno 2021
Sport

Rally del Salento, le impressioni dei protagonisti a poche ore dallo start

Gara vera lo sarà da stasera ma la 49esima edizione del Rally del Salento, terza prova del Campionato Italiano Wrc e seconda della Coppa Italia Rally ad elevato coefficiente è cominciata ufficialmente questa mattina con l'avvio delle verifiche

Foto (di Leonardo D’Angelo): Rally del Salento edizione 2016 – Un momento delle verifiche .

Gara vera lo sarà da stasera ma la 49esima edizione del Rally del Salento, terza prova del Campionato Italiano Wrc e seconda della Coppa Italia Rally ad elevato coefficiente è cominciata ufficialmente  questa mattina con l’avvio delle verifiche amministrative e tecniche in corso di svolgimento fino alle ore 12 presso il centro sportivo “La Conca2 di Muro Leccese.

A piccoli gruppi e nel rispetto delle disposizioni impartite dal direttore di gara Simone Bettati i 58 equipaggi iscritti alla manifestazione organizzata dall’Automobile Club di Lecce stanno sfilando presso l’ufficio predisposto per adempiere alle operazioni di controllo dei documenti.

A pochi metri di distanza i commissari tecnici stanno svolgendo i controlli di rito sulle vetture verificando sia la conformità di esse ai regolamenti, sia la perfetta efficienza dei dispositivi di sicurezza interni. Al termine di questa fase di “scrutineering” scatterà lo shakedown, il test con le vetture da gara previsto nei pressi della Collina dei Fanciulli e delle Ninfe di Giuggianello.

Un’occasione importante per gli equipaggi per predisporre su una tipologia di strada del tutto simile a quella che ritroveranno lungo le prove speciali di questa sera e di domani, le ultime regolazioni sulla propria vettura. Il test terminerà alle 16.

Ecco le prime impressioni di alcuni tra i protagonisti:

Luca Pedersoli (Citroën C4 Wrc N°1): “Il Rally del Salento lo conosciamo tutti come una gara difficilissima e imprevedibile fino all’ultimo metro. Puntiamo a far bene senza commettere errori e con un occhio al campionato cercando di rimanere più in alto possibile”.

Tobia Cavallini (Ford Fiesta Wrc N°2): “Arriviamo qui con una condizione di classifica che va ben oltre le nostre aspettative. Stiamo affrontando il campionato step by step cercando di essere efficaci e costanti nel rendimento. È da qualche anno che non correvo a Lecce, una gara difficile dove bisogna stare molto attenti perché è facilissimo forare”.

Paolo Porro (Ford Focus Rs Wrc N°3): “Cercheremo di far bene anche perché il coefficiente 1,5 dà tanti punti, anche se la vegetazione quest’anno è più folta e non ti permette di vedere bene dentro le curve. Arriviamo da un Mille Miglia costernato da tanti problemi, speriamo che siano finiti per questa stagione”.

Marco Signor (Ford Focus Rs Wrc N°4): “Dobbiamo per forza far bene per poter rimanere in gioco nel campionato partiremo all’attacco con la speranza di conquistare la vittoria come accaduto due anni fa”.

Andrea Minchella (Ford Fiesta R5 N°5): “Rispetto a Casarano abbiamo cambiato classe siamo in R5 e cercheremo di fare bene  in prospettiva Coppa Italia ma per me è anche una bella occasione per confrontarmi con i piloti che partecipano al tricolore Wrc”.

Francesco Rizzello (Citroën Ds3 Wrc N°6): “Conosciamo bene il percorso perché e la gara di casa e puntiamo a far bene partendo subito all’attacco. La novità è la vettura speriamo di riuscire a trovare subito il settaggio e il feeling ottimale che ci permetta di esprimerci nel miglior modo”.

Lorenzo Della Casa (Ford Fiesta Wrc N°8): “Siamo qui anche per fare esperienza, abbiamo deciso di venire qui anche senza pensare alla classifica ma con la voglia di imparare e di fare quanta più strada possibile”.

Efrem Bianco (Skoda Fabia R5 N°9): “È la nostra seconda gara con la Fabia R5, una  macchina molto performante, ma che per essere portata a limite ha bisogno di un ottimo feeling che lo acquisisci di gara in gara”.

Fernando Primiceri (Peugeot 208 T16 R5 N°11): “Sono fiducioso soprattutto per via del feeling che siamo riusciti a trovare con la vettura. Speriamo per il meglio”.

Paolo Oriella (Peugeot 207 S2000 N°12): Gara difficile, particolare per chi vi partecipa la prima volta come me. È l’ultima occasione per poter far bene in campionato e recuperare terreno sugli avversari”.

Giuseppe Bergantino (Peugeot 207 S2000 N°14): “Siamo come sempre concentrati nel dare il massimo. Rispetto alle altre gare il clima è diverso visto che siamo anche opposti ad avversari blasonati”.

Domenico Erbetta (Peugeot 207 S2000 N°16): “Una gara molto impegnativa che ho deciso di fare anche perché credo che riuscire a guidare bene su questa particolare tipologia di strade porti dei benefici anche in altri contesti meno insidiosi. Useremo le Hankook e vedremo un po’ strada facendo se la scelta si rivelerà poi felice”.

Alberto Rossi (Renault Clio S1600 N°18): “Faremo una gara attenta, accorta ma allo stesso dobbiamo cercare di andar forte perché siamo primi a pari merito con Lombardi e qui ci giochiamo anche il girone della Coppa Michelin”.

Massimo Lombardi (Renault Clio S1600 N°19): “Rispetto all’anno scorso il percorso è un po’ cambiato, mi piace molto la prova di Santa Cesarea mentre Martignano anche se corta è molto insidiosa. Faremo di tutto per vincere la classe”.

Luca Balbo (Renault Clio S1600 N°21):”Faremo una gara di apprendistato ma senza dormire troppo perché gli avversari sono agguerriti. Accanto avrò Roberto che lo scorso anno qui ha vinto e che mi ha spiegato alcuni segreti della gara. Speriamo di averli capiti tutti e di riuscire a metterli in pratica”.

Roberto Vescovi (Renault New Clio R3C N°23): “Veniamo sempre per fare bene, rispetto allo scorso anno la concorrenza è molto più numerosa e agguerrita. Utilizzeremo la stessa Clio del Mille Miglia perché la R3T ha bisogno di tanti chilometri di guida e di test per poter essere sfruttata al meglio”.

Oscar Sorci (Renault New Clio R3C N°25): “Cercheremo di fare una bella gara anche se le prove sono un pò più impegnative degli anni passati. La nostra sarà una gara d’impegno e di incisività visto anche che in R3C siamo opposti a piloti che non hanno certo bisogno di presentazioni”.

Marco Martino Timo (Citroën Ds3 R3T N°27): “Cercheremo di ripetere il risultato di Casarano che ci ha visti vincere tra le R3T poi se esce fuori qualcosa di meglio è sempre ben accetto”.

Marco Oldani (Peugeot 208 Vti R2B N°28): “Siamo secondi in campionato tra le R2 e il nostro obiettivo resta quello di portare a casa punti importanti anche se abbiamo voglia di fare esperienza in una gara per noi nuova e molto difficile”.

Daniele Timo (Peugeot 208 R2B N°32):“Anche se le strade le conosciamo non è una gara facile. Gli avversari sono tutti molto forti e non ci regaleranno nulla”.

Pasquale Carlomagno (Peugeot 306 A7 N°36): “È una gara abbastanza difficile e credo anche molto selettiva la speranza è che l’esperienza di Casarano fatta un mese fa ci possa tornare utile”.

Ivan Pisacane (Renault Clio Williams A7 N°37): “Il Salento lo attendiamo  sempre con molta gioia è la nostra gara di casa e siamo ben felici di vederlo ripartire da Lecce. Crediamo di aver lavorato bene in ricognizione e quindi ci teniamo a fare una buona gara”.

Guglielmo De Nuzzo (Renault Clio Rs N3 N°40): “Il Salento è sempre una gara lunga è difficile dove arrivare è già un risultato. Puntiamo a fare bene e daremo del nostro meglio”.

Paolo Garzia (Peugeot 106 Rallye N2 N°53): “È una gara molto impegnativa, lunga, con prove molto insidiose vedremo quello che riusciremo a fare”.

Corrado Peloso (Suzuki Swift R1B N°57): ”è la mia terza partecipazione al Rally del Salento, una gara che mi piace molto e dove cercheremo di portare a casa più punti possibili per il Trofeo, magari anche il bottino pieno”.

Ufficio Stampa 49°Rally del Salento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rally del Salento, le impressioni dei protagonisti a poche ore dallo start

LeccePrima è in caricamento