Mercoledì, 28 Luglio 2021
Sport

Successi per la pugliese Idrusa, indomita anche nella bonaccia della Barcolana

L'avventura dell'imbarcazione per l'anno corrente è stata caratterizzata da ottime performance e da successi importanti: prestazione straordinaria domenica scorsa, mentre il 20 si fa tappa nelle suggestive acque di Venezia

L’avventura di Idrusa nell’Adriatico è stata anche nel 2013 ricco di successi, soddisfazioni e riconoscimenti. Dal basso all’alto Adriatico l’imbarcazione pugliese ha raccolto vittorie ed ottimi piazzamenti: il primo posto parziale domenica alla Barcolana davanti ad oltre 1.600 scafi in acqua, prima che l’ennesimo salto di vento tradisse i sogni del team, è stato l’ennesimo lampo di luce delle potenzialità tecniche e sportive di questo scafo. Nella bonaccia che ha costretto al ritiro oltre la metà dei concorrenti il piazzamento finale al 7° posto tra i Maxi rimane infatti onorevole.

Dopo la vittoria in tempo reale alla Brindisi-Corfù l’avvicinamento di Idrusa alla Barcolana è passato  da Ancona dove l’imbarcazione salentina coglie l’ennesimo succeso in acque doriche. Abbinati al team del pluri campione mondiale  Alberto Rossi (al timone con Paolo Montefusco alla tattica) e sostenuti dagli sponsor Brinmar Shop, Titi Shipping, Audi Domina e Assonautica, gli uomini del Montefusco Sailing Project sono stati sempre al comando vincendo con abbondante margine la classifica assoluta.

La seconda tappa è stata in acque istriane, quelle del trofeo Bernetti di Trieste. Iscritta alla regata insieme al team del Sail Academy BMW (con Roberto Ferrarese alla tattica e Paolo Montefusco al timone) Idrusa - Bmw nella bonaccia ha difeso un sesto posto di tutto rispetto su 300 barche in competizione.

La regata ha presentato molti rovesci di fronte, tanto da portare Idrusa con una sapiente condotta tattica a superare addirittura il 100 piedi supertecnologico Esimit ed essere prima a metà del primo lato grazie a due bordi precisi nel vento a due nodi mentre gli altri erano fermi. Poi i continui rimbalzi di leggerissimo vento hanno sfavorito Idrusa, costretta a frenare le ambizioni ed accusare il ritardo che l’ha portata al 19° posto assoluto al traguardo su quasi 2mila imbarcazioni e al 7° tra i Maxi.

L’equipaggio era costituito da Andrea Quartulli, Agostino Marottoli, Obelix  Luciano Lippolis, Peppino Dell'Anna, Corrado Capece, Paolo Bucciarelli, Giuseppe Miglietta, Roberto Ferrarese, Paolo Montefusco, il team Calvi Network, Bar, Brinmar Shop, Assonautica. Ma neppure il tempo di rifiatare ed il prossimo imminente impegno agonistico è già fissato per domenica a Venezia. Idrusa partecipa alla suggestiva Veleziana, regata tra i canali della città d’acqua con 200 barche e diversi Maxi. Uno stimolo in più per Idrusa, che ambisce a chiudere in bellezza la stagione tagliando per prima il nastro posto nel Canal Grande sotto piazza S. Marco mentre il team è già pronto a definire il nuovo programma agonistico per il 2014.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successi per la pugliese Idrusa, indomita anche nella bonaccia della Barcolana

LeccePrima è in caricamento