Domenica, 1 Agosto 2021
Gallipoli

Tende abusive in riva al mare. Dieci multe sulla spiaggia del litorale sud

Dopo l'intervento dei carabinieri nella pineta di Lido Conchiglie nuovi controlli e verbali di vigili e Capitaneria. Al setaccio la litoranea dal Lido San Giovanni a Baia Verde. Multe per duemila euro. Plauso da federazione campeggi

Alcune tende, sulla spiaggia gallipolina

GALLIPOLI  - Dopo il blitz e le multe dei carabinieri della compagnia di Gallipoli per liberare le spiagge e le pinete di Lido Conchiglie dai campeggiatori abusivi, analogo intervento è stato effettuato sul versante del litorale sud. Con un'azione congiunta portata a termine stavolta dal personale della Capitaneria di porto di Gallipoli e dalla Polizia locale (con l'intervento diretto del comandante Paola Vitali), è stato effettuata una capillare azione di controllo sul tratto della litoranea gallipolina ricompreso tra il Lido San Giovanni e la Baia Verde. Il tutto per fronteggiare anche in questo caso il fenomeno sempre più dilagante degli accampamenti vietati nelle strade, sulle spiagge e sulle aree demaniali.

In seguito all’intervento sono stati elevati dieci verbali per sanzionare l'attività di campeggio abusivo sulla spiaggia, per un totale complessivo di duemila euro, lungo il tratto della litoranea sud. Oggetto della  contestazione è stata principalmente la violazione dell'ordinanza balneare della  Regione Puglia dell'aprile 2013, che all'articolo 3 vieta per l'appunto l’attività di campeggio lungo il litorale e sulle spiagge. Attività per altro vietata anche dai regolamenti comunali.

E su tale problematica, e soprattutto sull’azione di contrasto effettuata nei giorni scorsi dai carabinieri a Lido Conchiglie, è giunta una nota di ringraziamento ai vertici dell’Arma a firma del presidente della Faita Salento di Confcommercio (la Federazione delle associazioni italiane dei complessi turistici ricettivi all'aria aperta), Erminia Licchelli. “Ritengo doveroso da parte mia esprimere il più vivo ringraziamento, a nome della categoria che rappresento, per il costante intervento effettuato dai carabinieri lungo la costa di Gallipoli per la lotta all’esercizio abusivo del campeggio” scrive la presidente Licchelli ai vertici dell’Arma “tale fenomeno ha assunto, in particolare negli ultimi anni, un livello di allarme elevato” aggiunge, “non solo per le dirette conseguenze in termini di mancati redditi nei confronti delle strutture che operano sul territorio che creano occupazione e pagano le tasse, ma anche e sopratutto per le conseguenze indirette quali il decoro urbano, l'igiene e, non da ultima, la sicurezza.

Siamo certi” conclude, “che il vostro costante impegno sarà efficace deterrente nei prossimi giorni, anche in quelle aree, interne al centro abitato di Gallipoli, impropriamente utilizzate per la sosta dei camper. Si fa riferimento, ad esempio, al parcheggio adiacente il cimitero e all'area portuale di Gallipoli che si trasformano in un vero e proprio campeggio non autorizzato per i camper”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tende abusive in riva al mare. Dieci multe sulla spiaggia del litorale sud

LeccePrima è in caricamento