Martedì, 27 Luglio 2021
Gallipoli

Spaccio di stupefacenti nel 2000: 71enne deve scontare oltre quattro anni

I carabinieri hanno tratto in arresto Santo Lotti, nativo di Tuglie, ma residente nella "Città Bella". L'uomo è stato riconosciuto colpevole del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in modo aggravato e continuato

GALLIPOLI – Deve scontare una pena di quattro anni, sei mesi e quattro giorni di reclusone. Questa mattina, i carabinieri della stazione di Gallipoli hanno tratto in arresto Santo Lotti, oggi 71enne, nativo di Tuglie, ma residente nella “Città Bella”. L’uomo, infatti, è stato riconosciuto colpevole del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in modo aggravato e continuato. L’inchiesta a suo carico risale al 2000, e lo spaccio di stupefacenti avrebbe riguardato, in particolare, Alezio e Gallipoli.

Il caso di Lotti ricade in un più ampio fascicolo, su un’associazione per delinquere che, in quegli anni, operava sul territorio. Furono altri quarantasei per le persone oggetti d’indagine e poi condannate.

LOTTI SANTO MOD-2L’arresto di oggi, avvenuto in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Corte d’appello di Lecce, consente di mettere definitivamente la parola “fine” ad una vicenda che nei due centri salentini aveva costituito, in quegli anni, una vera e propria piaga, destando non poca preoccupazione ed apprensione nell’opinione pubblica fino al punto che si era parlato di vero e proprio “allarme sociale”, per il vasto giro di droga, con cessione, ovviamente, rivolta al pubblico più giovane. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di stupefacenti nel 2000: 71enne deve scontare oltre quattro anni

LeccePrima è in caricamento