menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aradeo pronta alla Fase 2: altre mille visiere per commercianti e per i bambini

Non si ferma il progetto della protezione civile con il supporto del Comune e degli artigiani locali. Distribuite anche 8 mila mascherine. Consegna “speciale” di letterine nella Rsa di Seclì

ARADEO - Anche nell’avvio della Fase 2 dell’emergenza pandemica non si ferma l’attività di supporto della protezione civile di Aradeo che prosegue in particolare con il progetto autonomo, realizzato con la collaborazione dell’artigiano locale Fabrizio Arcuti e del Comune e grazie alle donazioni volontarie dei cittadini per l’acquisto delle materie prime, per la realizzazione e distribuzione delle visiere protettive che in questo frangente verranno consegnate a tutti i commerciati e artigiani del paese pronti alla riprese delle attività dal 18 maggio prossimo.

Dopo aver rifornito, nella fase 1 emergenziale, gli ospedali e gli operatori sanitari e le forze dell’ordine della provincia e anche fuori regione (tra queste quelle recapitate in quel di Milano o presso la casa circondariale di Pavia), la produzione delle visiere è proseguita senza limite di continuità e altre mille sono quelle in distribuzione in questi giorni e destinate a parrucchieri, ristoratori, negozianti e operatori che riprendono le attività nei propri negozi, laboratori o botteghe artigiane. Per chi avesse bisogno della visiera protettiva si può contattare la protezione civile presso la sede di via Scalfo o inviare un messaggio al numero operativo del sodalizio con il nome della propria attività e i volontari provvederanno a fare la consegna al domicilio indicato.

E c’è anche una novità che riguarda i più piccoli, che con la Fase 2 saranno i più esposti, potendo finalmente tornare nei parchi per prendere un po’ d'aria e giocare. Per loro sono state progettate e già realizzate delle visiere colorate proprio a misura di bambino. Prosegue contestualmente anche la fornitura e distribuzione, sempre da parte della protezione civile aradeina, della mascherine, in tessuto certificato e lavabile, prodotte da una sarta locale e confezionate direttamente dai volontari: in due mesi sono ormai quasi 5 mila le mascherine realizzate e consegnate ai cittadini. A queste si aggiungono anche le 3.600 messe a disposizione dalla Regione e che sono destinate alle fasce più deboli della cittadinanza. La sala operativa di via Scalfo ad Aradeo ha intensificato la sua attività giornaliera, dalle 9 alle 21, e i volontari coordinati da Franco Mighali si occupano anche del presidio, misurazione della temperatura, e del contingentamento degli ingressi presso il mercato settimanale e l’ecocentro comunale che hanno ripreso in questi giorni le loro attività.

Gli operatori negli ultimi giorni si sono resi anche intermediari per una consegna speciale e molto significativa: hanno infatti ricevuto dall’insegnante Maria Neve Arcuti, dell’Istituto comprensivo di Aradeo, delle lettere, redatte dagli alunni delle seconde classi della scuola secondaria di primo grado, con delle dediche particolari e calorose rivolte agli ospiti della residenza socio assistenziale “Santa Laura” di Seclì. I volontari della protezione civile hanno preso l’incarico di consegnare le lettere direttamente presso la struttura e i messaggi di affetto e speranza dei ragazzi coraggiosi delle scuole medie sono stati letti dagli operatori sanitari a tutti i nonni e le nonne che oggi più che mai sono lontani dall’affetto e dall’abbraccio dei propri cari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento