rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Attualità

Assemblea sindaci “compatta” su ciclo rifiuti ed eolico in mare: convocati due tavoli tecnici

Questa mattina il confronto di 65 primi cittadini nella riunione convocata dal presidente della Provincia. Fari puntati sulle localizzazioni degli impianti di compostaggio. Lunedì incontro con Aro e il direttore dell’Ager. Focus anche sul Pnnr

LECCE - Confronto a viso aperto sulle principali tematiche ambientali che interessano da vicino il territorio salentino: sulle nuove localizzazioni degli impianti di compostaggio dei rifiuti e sui progetti dell'eolico offshore al largo dei litorali di Castro e Otranto. E anche sulle opportunità da non gettare al vento legate ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Sono questi i punti nevralgici affrontati oggi, nell'aula consiliare di Palazzo dei Celestini, dall'assemblea dei sindaci dei Comuni della provincia di Lecce, convocata dal presidente della Provincia Stefano Minerva. Al centro dei lavori quindi i due temi di particolare importanza ed attualità: la chiusura del ciclo dei rifiuti sul territorio salentino e il Pnrr.

Dopo l'intervento del presidente Stefano Minerva, che ha invitato i presenti ad una "discussione franca e leale" e "a tenere insieme il Salento rispetto a scelte doverose e necessarie sulla questione rifiuti", il consigliere provinciale con delega alla Tutela e valorizzazione ambientale, Fabio Tarantino, ha illustrato la proposta di atto di indirizzo per la realizzazione di impianti di compostaggio in provincia di Lecce già approvata nella seduta plenaria della consulta provinciale per l'Ambiente.

Assemblea sindaci 3-2

Tavolo tecnico per ciclo rifiuti

Proprio dalle articolazioni del documento licenziato dalla consulta, e frutto di un ampio processo partecipato, e dopo un confronto animato dagli interventi di numerosi sindaci, l'assemblea ha approvato la proposta avanzata dal presidente Stefano Minerva di convocare già per lunedì prossimo, 6 dicembre, sempre a Palazzo dei Celestini, un tavolo tecnico con i presidenti dei dieci ambiti di raccolta ottimale (Aro), in rappresentanza del territorio provinciale, e il direttore dell'Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti (Ager) Gianfranco Grandaliano.

Il tavolo, che sarà coordinato dal consigliere provinciale delegato Fabio Tarantino e avrà il supporto tecnico del dirigente del Servizio tutela e valorizzazione ambientale della Provincia, Antonio Arnò, sarà finalizzato ad individuare i siti di compostaggio disponibili sul territorio salentino, in base alle indicazioni avanzate dalla consulta provinciale per l'Ambiente, da proporre ad Ager e Regione Puglia per accedere ai fondi disponibili per la loro realizzazione.

Coordinamento per il Pnnr

Anche sul fronte Pnrr, la Provincia svolgerà un ruolo di coordinamento con la riunione, a brevissimo termine, di un secondo tavolo tecnico, coordinato dal consigliere provinciale Ippazio Morciano, al quale saranno invitati a partecipare alcuni sindaci in rappresentanza delle principali aree territoriali del Salento, e i referenti di Confindustria, sindacati e parti sociali.

Infine, un ampio dibattito finale si è registrato anche sull'ultimo punto all'ordine del giorno relativo all'impianto eolico offshore sul tratto di mare prospiciente la costa Otranto-Castro e sulla volontà di approfondire le proposte progettuali e ribadire la tutela del litorale e del mare del Salento

Confronto anche con il prefetto

Durante i lavori dell'assemblea dei sindaci, inoltre, è intervenuto il prefetto di Lecce, Maria Rosaria Trio, che ha voluto cogliere l'occasione della riunione dei primi cittadini nell'aula consiliare di Palazzo dei Celestini, per rivolgere loro un appello alla collaborazione, attraverso le attività di controllo della polizia locale finalizzate a far rispettare le misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da Covid-19 stabilite nell'ultimo decreto legge, tutelando così la salute di tutti i cittadini e le attività economiche.

Assemblea sindaci Prefetto-2

Il presidente della Provincia, Stefano Minerva ha, quindi, ringraziato il prefetto per "la sensibilità dimostrata nell'aver voluto incontrare di persona tutti i sindaci riuniti in assemblea".

Sessantacinque i primi cittadini che hanno partecipato al confronto in aula, dove erano presenti, nella veste anche di consiglieri provinciali, Massimiliano Romano (vicepresidente della Provincia di Lecce), Fabio Tarantino, Adina Manti, Ippazio Morciano, Flavio Filoni.

Presenti, inoltre, il capo di Gabinetto della Provincia, Andrea Romano, il direttore generale Gianni Refolo, il segretario generale Angelo Caretto, il dirigente del Servizio Tutela e valorizzazione ambientale, Antonio Arnò

Taurino: "Siti alternativi a Masseria Ghetta"

Sulle ipotesi legate all'impianto di compostaggio e la chiusura del ciclo dei rifiuti nella zona di Masseria Ghetta, il sindaco di Trepuzzi, Giuseppe Taurino afferma di avere avuto riscontri "molto positivo" dopo i lavori dell'assemblea dei sindaci di questa mattina.

"In un clima molto positivo, questa mattina, si è svolta l'assemblea dei sindaci, più volte richiesta dal sottoscritto, e finalmente celebrata, affinché si discutesse in maniera ampia e articolata su un tema così delicato, e spesso volutamente ignorato, come quello della chiusura del ciclo dei rifiuti" spiega Taurino, "all'inizio dell'assemblea siamo intervenuti sia io che il sindaco di Surbo, Ronny Trio, proponendo di costituire un gruppo di lavoro, già convocato per lunedì prossimo, al fine di individuare siti idonei e condivisi per la realizzazione di impianti necessari alla chiusura del ciclo dei rifiuti".

La sorpresa secondo Taurino che sarà tale anche per l'Ager è stata quella di "aver riscontrato da parte di tutti i colleghi sindaci la volontà di mettere a disposizione siti per la realizzazione di impianti utili e necessari alla chiusura del ciclo dei rifiuti".

"Ora, giunti a questo punto" conclude il sindaco di Trepuzzi, "ci auguriamo che coloro i quali, sino ad oggi non hanno voluto sentire ragioni per avviare una fase di ascolto, l'unica perseguibile prima di mettersi in azione per avviare progetti di questa portata, abbiano il senso di responsabilità di porre rimedio a questa precisa mancanza, per non imporre ai territori decisioni non volute e non accettabili, come appunto quella di realizzare un impianto di compostaggio in località Masseria Ghetta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea sindaci “compatta” su ciclo rifiuti ed eolico in mare: convocati due tavoli tecnici

LeccePrima è in caricamento