rotate-mobile
Attualità

La Polizia festeggia il suo 172esimo compleanno: sempre più vicina ai cittadini, raddoppiati gli avvisi orali

La cerimonia si è svolta nella mattinata di oggi, fra il Giardino delle Rimembranze e il Teatro Apollo. Riconosciuti encomi e lodi ai poliziotti e alle poliziotte emersi per particolari meriti. Cresce il numero degli interventi rispetto all’anno precedente: più controlli e attenzione al mondo del web

LECCE – “Esserci sempre” lo slogan scelto per la festa di tutti gli agenti e le agenti di Lecce che celebrano oggi il 172esimo “compleanno” della Polizia di Stato. Una cerimonia che si è svolta nella mattinata all’esterno e poi dentro il Teatro Apollo, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari e, naturalmente, degli uomini e delle donne dei vari reparti della questura e dei commissariati della provincia. “Esserci sempre” per rimarcare il senso di vicinanza alla cittadinanza e la prossimità col territorio, come ha ribadito il questore, nelle dichiarazioni del video e come dimostrano anche gli interventi e i provvedimenti degli ultimi dodici mesi.

Raddoppiati, per esempio, gli avvisi orali emessi dal questore, passati dai 68 ai 128 dell’ultimo anno. Così come i dati relativi agli arresti: 137 tra il 2022 e il 2023, 243 nell’arco dell’ultimo anno. Numeri in crescita anche per quanto riguarda i controlli veicolari e personali: quasi 12 mila nell’ultimo anno, a fronte dei circa 8mila di quello precedente. La festa è cominciata nel Giardino delle Rimembranze, con la deposizione di una corona di alloro da parte del prefetto Luca Rotondi e del questore Vincenzo Massimo Modeo, come omaggio ai caduti della Polizia di Stato. La cerimonia è poi proseguita nel foyer del teatro dove il questore ha premiato le scuole vincitrici a livello provinciale del progetto “PretenDiamo Legalità”, consegnando ai rappresentanti una pergamena.

Un’orchestra di 60 piccoli talenti della scuola primaria di Arnesano e Monteroni ha inaugurato la giornata. Sul palco anche tre studenti del Liceo  artistico “Gioacchino Toma" di Galatina per illustrare alcune rappresentazioni artistiche che sono state realizzate in occasione di un lavoro sul cyberbullismo. Un ambito, quello del web,  al quale gli agenti salentini prestano sempre maggiore attenzione. Anche in questo caso a parlare sono le cifre: una cinquantina di truffe e frodi informatiche in più negli ultimi dodici mesi, rispetto a quelle dell’anno prima: 395, a fronte delle 343 precedenti.

La festa della Polizia di Stato 2024

Nel cuore di Lecce, intanto, in Piazza Sant’Oronzo, sono stati esposti i veicoli storici della Polizia di Stato dismessi dai servizi. Sempre in centro, inoltre, il gruppo “Donatori” nato dell’Associazione donatori volontari personale della Polizia di Stato ha organizzato una raccolta straordinaria di sangue con l’autoemoteca dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

Poliziotti e poliziotte premiati durante la cerimonia

Nell’ambito della cerimonia di oggi, infine, sono stati premiati e omaggiati numerosi poliziotti della questura leccese. Tra questi, coloro che hanno portato a termine un’attività di polizia giudiziaria, assestando un duro colpo alla Sacra Corona Unita. L’encomio solenne è stato concesso a: sostituto commissario Mario De Nanni, in quiescenza; sostituto commissario Claudio Fersini, in quiescenza; vice ispettore Mario Urso. L’encomio, inoltre, riconosciuto a: vice ispettore Antonio Mogavero; sovrintendente capo Angelo Fersini; sovrintendente capo Roberto Gaetani; sovrintendente Davide De Rosa; sovrintendente Giovanna Mele; sovrintendente Mario De Leonardis e vice sovrintendente Salvatore Nestola. La lode, inoltre, a: vice questore Antonio Miglietta; vice ispettore Antonio Maggi; sovrintendente capo Antonio Petrelli.

Per le spiccate capacità emerse durante l’arresto di un uomo accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, usura e incendio doloso, l’encomio a: ispettore Marco Fiorito e al vice sovrintendente Antonio Vincenti. Lode concessa al sovrintendente capo Marco Albano; al vice sovrintendente Cosimo Dell’Anna; all’assistente capo coordinatore Mariangela Sciolti. Per un’altra attività di polizia giudiziaria, conclusasi con l’iscrizione nel registro degli indagati di 17 ultras, l’encomio all’ispettore Massimo Alessio. E ancora, la lode a: vice sovrintendente Roberto Bisanti; vice sovrintendente Robert Toni Polimeno e all’assistente capo coordinatore Bruno Minerva.

Proseguendo, per le il salvataggio di un uomo, ristretto ai domiciliari, grazie alle manovre di primo soccorso, l’encomio al sovrintendente Giovanni Lisi. La lode va invece al sovrintendente capo Roberto corrano e all’assistente capo coordinatore Nicola Santantonio. Per un altro intervento di soccorso pubblico, nel quale è stato rintracciato e salvato un uomo, l’encomio al sovrintendente capo Giovanni Manganaro e al vice sovrintendente Francesco Nicolì.

Per l’arresto di una persona, inoltre, l’encomio all’ispettore Gianluigi Casciaro e al sovrintendente Roberto Trovè, in quiescenza. La lode va al vice sovrintendente Salvatore Spaccaterra. Un encomio, poi, al sovrintendente capo Andrea Tondo per un’attività di polizia giudiziaria. Altro encomio anche al vice sovrintendente William Della Rosa per un intervento di soccorso in favore di una persona che aveva posto in essere manifesti propositi suicidi. Omaggiati infine con l’encomio anche l’assistente capo coordinatore Antonio Perrone e l’assistente capo coordinatore Omar Gianluca Calogiuri per la propria competenza durante l’arresto di un sospetto jihadista.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polizia festeggia il suo 172esimo compleanno: sempre più vicina ai cittadini, raddoppiati gli avvisi orali

LeccePrima è in caricamento