rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
In mattinata

Messa in sicurezza delle alberature: iniziato il taglio dei pini pericolanti a San Lazzaro

In via Casotti, dove a gennaio si è verificato l’ultimo cedimento, ha preso il via il piano predisposto dall'amministrazione per il quartiere con la consulenza degli agronomi: saranno messe a dimora, dopo l’estirpazione dei dieci ceppi, 22 nuove piante di Ligustro variegato

LECCE – Sono iniziati questa mattina in via Casotti i lavori di messa in sicurezza delle alberature nel quartiere San Lazzaro: gli operai della ditta incaricata – alla presenza dell'assessora all’Ambiente Angela Valli e del dirigente del settore, Francesco Magnolo - hanno iniziato a tagliare i dieci pini che gli agronomi hanno classificato come di “pericolosità estrema”.

Una volta rimosso il ceppo saranno messi a dimora 22 piante di Ligustro variegato (di almeno tre anni di età), una specie compatibile con gli ambienti urbani dove alberi come il pino si indeboliscono progressivamente soprattutto perché le radici sono costrette nel loro sviluppo naturale dall’asfalto, dai marciapiedi e dai sottoservizi.

Via Casotti è la strada in cui l’11 gennaio un albero è caduto investendo due auto: per una in particolare i danni sono stati considerevoli.  Allora era già in fase di redazione il programma di intervento, dal momento che in quella zona della città, ma non solo, i cedimenti sono stati diversi negli ultimi anni: quello ancora precedente, nella stessa via Casotti, risale al 15 giugno mentre l'ultima situazione di potenziale pericolo risale proprio la scorsa notte, in corrispondenza con l'allerta meteo, quando si è staccato un grosso ramo.

I lavori iniziati oggi proseguiranno su via Gentile, via Leonardo da Vinci, via Tafuro (angolo con via Guarini), via Schiavoni, via Regina Elena per un totale di 67 alberi da rimuovere e 136 da mettere a dimora. La manutenzione dei nuovi alberi, per i tre anni successivi alla piantumazione, sarà a cura dell’azienda che ha avuto l’affidamento.

Nei giorni scorsi è stata pubblicata l’ordinanza dirigenziale che dispone il divieto di transito e fermata nelle vie incluse nel piano di messa in sicurezza, dalle 7 alle 16, fino al 24 aprile. Non significa, ovviamente, che tutte le vie saranno chiuse per due mesi, ma per ciascuna strada i segnali di divieto saranno rimossi non appena terminate le operazioni di taglio. Al termine dell’orario di lavoro le strade saranno giornalmente riaperte e, comunque, sarà consentito, se le condizioni di sicurezza lo consentono, l’accesso ai passi carrabili.

assessora valli e dirigente magnolo

Durante i lavori della seconda fase, quella di piantumazione – che interesseranno sempre una strada per volta e che vedranno impiegati mezzi più piccoli – sarà utilizzata solo metà carreggiata (l’altra sarà regolarmente fruibile). I mastelli e carrellati della raccolta differenziata possono essere regolarmente esposti su strada dai residenti delle vie interessate (verranno ritirati nell’arco della giornata).

“Con la collaborazione fattiva dei cittadini e delle cittadine che abitano e lavorano a San Lazzaro – ha dichiarato l’assessora Valli – ci auguriamo di poter svolgere i lavori nel minor tempo e con i minori disagi possibili così da restituire, nel giro di poche settimane, ai residenti e ai commercianti un quartiere più verde e più sicuro con la piantumazione del doppio degli alberi che stiamo rimuovendo e che andranno anche a colmare i vuoti lasciati negli anni passati da alberi caduti o rimossi”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messa in sicurezza delle alberature: iniziato il taglio dei pini pericolanti a San Lazzaro

LeccePrima è in caricamento