Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Aggredito e derubato un militante sordomuto nella sede di Fratelli d'Italia

Attimi di paura per un 75enne che, domenica mattina, nel circolo di Copertino, è stato assalito da due giovani dal volto coperto: picchiato ed immobilizzato, dopo averlo pedinato, gli hanno sottratto cento euro, dandosi alla fuga

Sede Fratelli d'Italia a Copertino

COPERTINO - Era da poco entrato nel circolo di Fratelli d'Italia a Copertino quando è stato immobilizzato da due soggetti a volto coperto e derubato: è la disavventura capitata domenica scorsa a C. Z., un 75enne del posto, sordo muto sin dalla giovane età. Simpatizzante del movimento e storico frequentatore di quella sezione, come suo solito, alle 11 di mattina si era recato sul posto, entrando ed accomodandosi alla scrivania, per scrivere degli appunti.

È stato lì che due soggetti di giovane età, pelle chiara, alti circa 1,70, probabilmente dopo aver pedinato l'anziano, sono entrati nel circolo, indossando delle maschere che coprivano gli occhi e il naso, chiudendo la porta alle loro spalle e assalendo l'uomo. Quest'ultimo, sorpreso dalla loro presenza, ha iniziato a gesticolare nel disperato tentativo di difendersi, finendo brutalmente aggredito: i due lo hanno colpito con un pugno sulla spalla facendolo cadere dalla sedia. Immobilizzato hanno incominciato a palparlo e perquisirlo per trovare i contanti. Venuti in possesso dei soldi, poco più di 100 euro raccolti in una spilla ferma soldi, si sono dati alla fuga.

Ripresosi dall'accaduto, impaurito e dolorante, l'anziano ha avuto la forza di richiudere il circolo ed allontanarsi. Al momento, non è stata presentata alcuna denuncia, sebbene la tutrice e i familiari lo stiano invitando insistentemente a farlo. L'uomo era già stato vittima di un furto da parte di un uomo di colore che vendeva gadget e articoli vari: dopo avergli offerto di acquistare qualcosa, l'anziano si stava accingendo a pagare quando l'extracomunitario gli aveva strappato di mano i soldi scappando via. L'impossibilità di gridare aiuto ha fatto poi il resto.

Giuseppe Pede, coordinatore cittadino di Fratelli d'Italia, parla di "gesto vile perpetrato da infami delinquenti", facendo un appello al Prefetto e al Questore affinché vengano garantiti più uomini e mezzi ad una comunità, non solo copertinese, che quotidianamente è vittima di furti negli appartamenti e attività commerciali, rapine, furti d'auto e tanto altro: "Tutto ciò - spiega - non succede più solo nelle ore notturne ma anche in pieno giorno, in pieno centro. Ormai non sono più proclami e slogan da campagna elettorale. è vera emergenza, lo dico da uomo impegnato in politica, lo dico da uomo impegnato nel sociale, lo dico da semplice cittadino. Aiutateci".

In queste ore, a voce unanime da parte di tutta la comunità politica copertinese, verrà scritta una lettera al Prefetto e al Questore chiedendo un intervento. E intanto all'uomo derubato sono arrivati i messaggi di solidarietà di politici come Mario De Cristofaro (storico volto della destra salentina), Pierpaolo Signore (portavoce provinciale Fdi), Livia Antonucci (portavoce provincia di brindisi per Fdi-An), Luciano Cavaliere (dirigente nazionale del partito), Antonio Gatto (portavoce Fratelli d'Italia Galatone), Michele Muci (dirigente provinciale), Fausto G. Longo, Massimo Giannini, Giovanni De Luca, Laura Alemanno (consigliere comunale Alba nuova), Giovanni Alcini Piena solidarietà per questo gesto infame (componente direttivo Onda d'urto), Mauro Valentino (consigliere comunale Forza Italia), Vincenzo Domenico Nobile Mariano (Pd).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito e derubato un militante sordomuto nella sede di Fratelli d'Italia

LeccePrima è in caricamento