rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
L'arresto / Copertino

Aggredisce e minaccia assistente sociale dopo ricovero della moglie: finisce ai domiciliari

L’episodio si è consumato a Copertino nell’ufficio dei servizi sociali con la professionista costretta a richiedere le cure mediche in ospedale: l’uomo è in attesa del rito per direttissima

COPERTINO – Aggredisce e minaccia un’assistente sociale dopo il ricovero della moglie: finisce in manette a Copertino il marito della donna condotta in una struttura sanitaria-assistenziale, con l’accusa di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, nonché di danneggiamento.

Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza contro il personale dei servizi sociali. Ad allertare i carabinieri è stata la stessa vittima, che si è fatta coraggio chiedendo aiuto al numero di emergenza 112. I militari sono intervenuti presso gli uffici dei servizi sociali del posto, costando il danneggiamento della porta d’ingresso.

Dopo aver ascoltato la professionista, già visitata dai sanitari dell’ospedale “San Giuseppe di Copertino”, i carabinieri hanno rintracciato e identificato l’aggressore. Il tutto si sarebbe verificato tra le mura dell’ufficio della professionista dove l’uomo si sarebbe recato una volta appreso del ricovero della moglie presso una struttura sanitaria–assistenziale ad opera appunto dei servizi sociali.

È stato lì che l’uomo sarebbe andato in escandescenza, aggredendo la professionista ritenuta responsabile di una misura ritenuta ingiusta adottata nei confronti della moglie. La situazione è degenerata con la professionista che, come riferito, ha necessitato di cure mediche presso l’ospedale cittadino.

L’uomo, una volta arrestato, su disposizione del P.M. di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stato sottoposto ai domiciliari in attesa del giudizio con rito per direttissima.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredisce e minaccia assistente sociale dopo ricovero della moglie: finisce ai domiciliari

LeccePrima è in caricamento