Persecuzioni alla ex pretendendo ingenti somme: sconterà cinque anni

Un 60enne con cittadinanza statunitense arrestato dai carabinieri della stazione di Alessano su ordine della Procura di Lecce

ALESSANO – Ci s’incontra, scatta la scintilla, si programma un futuro insieme, ma a volte bisogna fare i conti con la passione che va scemando, fino a terminare con tutta la storia. C’eravamo tanto amati. C’eravamo, appunto. Daniel Zdenek Cis, 60enne (originario della Repubblica Ceca, sebbene cittadino statunitense, per la precisione di Palm Beach, in Florida), è stato arrestato e condotto in carcere dai carabinieri della stazione di Alessano. Deve scontare, infatti, una pena di cinque anni, divenuta esecutiva, per atti persecutori e tentata estorsione nei confronti della sua ex convivente.

L’arresto è avvenuto ieri. I militari hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Lecce. Vittima delle presunte angherie, una donna, oggi 66enne, con cui in passato Cis aveva avviato una relazione. I due si erano conosciuti in Svizzera, poi erano andati a vivere nel Salento, ma nel frattempo la situazione ha assunto un’altra piega. Fino al termine della convivenza e a una serie di denunce che hanno fatto scattare le indagini, e, infine, il processo nel quale il 60enne è stato condannato.

Cis avrebbe, infatti, avrebbe braccato la donna, cercato di sottrarle soldi, con richieste anche molto elevate (quella iniziale, addirittura di 100mila euro). Una sorta di “risarcimento”, per tornare a vivere negli Stati Uniti e lasciarla quindi in pace. Pretendendo anche di essere nominato erede delle proprietà della donna. Ma, lungi da spuntarla, ora è piuttosto venuto per il 60enne il momento di scontare la pena.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento