Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Anche il Comune di Lecce dichiara guerra ai piromani

Istituito il Castato che censirà le aree boschive devastate dai roghi appiccati nella maggior parte dei casi per mano dell'uomo. L'assessore Inguscio: "Una decisione importante in fatto di tutela"

Il Comune di Lecce si impegna su fronte della lotta agli incendi, che quest'estate hanno devastato immense aree boschive anche nel demanio comunale, e lo fa inaugurando un Catasto che avrà proprio la finalità di censire le zone bruciate dal fuoco. La delibera è stata approvata ieri all'unanimità dalla Commissione consiliare congiunta che ha visto al lavoro Protezione civile e Urbanistica e che va incontro alla specifica ordinanza della Presidenza del consiglio dei ministri del 28 agosto scorso e alla nota della Prefettura di Lecce contenente disposizioni urgenti anti-incendio).

"Sono particolarmente soddisfatto e ringrazio tutti i componenti della Commissione che ha approvato la delibera - sottolinea l'assessore alla Polizia municipale, sicurezza e protezione civile Lucio Inguscio - considerato anche che in Puglia solo il 20 per cento dei Comuni possiede il Catasto. Purtroppo nel corso di quest'anno sono state proprio tante le aree devastate dalle fiamme. Anche il nostro territorio è stato duramente colpito. Gli incendi per lo più sono stati di natura dolosa, legati spesso al settore della speculazione edilizia. Il Catasto è importante perché la legge prevede diversi divieti e vincoli edilizi sulle zone censite, come quello di inedificabilità per 10 anni; quindi è un ottimo deterrente agli incendi perché chi li provoca sa che non ci si può fare nulla sull'area incendiata".


" L'istituzione del Catasto - continua Inguscio - è un ottimo mezzo per prevenire gli incendi dolosi e tutelare la sicurezza dei nostri cittadini. I piromani sono dei veri criminali che distruggono l'ambiente vitale per l'uomo e la natura. Tanti ettari di macchia, bosco, sottobosco sono andati in fumo in questo periodo, provocando danni ambientali ingenti (vedi gli incendi a Torre Chianca, nella zona di Rauccio, eccetera). L'operatività del servizio comunale di Protezione civile è stata efficace, così come rilevato anche dal comandante provinciale del Corpo forestale. Stiamo lavorando - conclude l'assessore Inguscio - per dotarci di un modello di organizzazione di protezione civile più moderno, attrezzato ed efficiente, in ottemperanza a quanto disposto dal Prefetto. Nei prossimi giorni presenteremo una delibera per l'organizzazione del servizio di reperibilità 24 ore su 24, mediante il personale di ruolo del settore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche il Comune di Lecce dichiara guerra ai piromani

LeccePrima è in caricamento