menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaco e molesto sfonda a calci il finestrino dell'auto dei carabinieri

A Casarano arrestato un marocchino. Aveva infastidito gli avventori di un locale. Alla vista dei militari, è esplosa la furia

CASARANO – Prima le molestie agli avventori di un’attività di ristorazione, poi, al momento del rintraccio per identificarlo e ricostruire la vicenda, l’aggressione ai carabinieri. È finita così in una cella del carcere di Borgo San Nicola la notte brava di Jawad Kard, marocchino di 41 anni, residente in provincia di Lecce. A bloccarlo sono stati i carabinieri della sezione radiomobile di Casarano. Risponde di violenza o minaccia a pubblico ufficiale, resistenza, danneggiamento e guida sotto l’influenza dell’alcool.

I carabinieri l’hanno rintracciato mentre era alla guida della sua autovettura proprio dopo una segnalazione per i suoi comportamenti: stava infastidendo la clientela di un’attività. E già quando l’hanno fermato, i militari hanno capito che il suo atteggiamento aggressivo derivava in gran parte dai fumi dell’alcool. Addirittura pari a 3.2 grammi per litro, il tasso alcolemico che di lì a poco sarebbe stata riscontrato, dopo le analisi. Ma effettuarle non è stato semplice.

Kard non aveva alcuna voglia di farsi controllare, così è andato su tutte le furie, costringendo i militari a usare le maniere forti, per immobilizzarlo e condurlo in caserma con l’autovettura di servizio. E proprio all’arrivo, ha sfogato tutta la sua rabbia, sfondando a calci il finestrino posteriore destro del veicolo e tentando di fuggire a piedi. Ma era troppo ubriaco, così ha perso l’equilibrio, è caduto per terra ed è stato nuovamente immobilizzato.

Dopo la caduta, è stato necessario trasportarlo in ospedale. Al pronto soccorso del “Ferrari” è stato riscontrato affetto da lesioni per sette giorni. E qui sono state fatte anche le analisi, che hanno evidenziato il tasso alcolico da capogiro. Una volta dimesso dall’ospedale, è stato dichiarato in arresto e condotto in carcere. Da considerare che l’uomo – peraltro in regola in Italia – appena due giorni addietro era già stato denunciato da carabinieri. Infastidendo i clienti di un locale, si è scoperto che addosso aveva anche un coltellino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento