Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Fiume di cocaina nel Salento. Spacciata per "liquirizia bianca"

I due viaggiano sull'Eurostar 9801 Milano Lecce. Agli arresti un 56enne di Melissano e un boliviano di 34. Fermati a Bari dalla polizia ferroviaria a bordo del treno. Avevano con 1 chilo e 300 grammi di cocaina

Foto di archivio

 

BARI - I due viaggiano sull'Eurostar 9801 Milano Lecce. Partiti con tutta probabilità dal capoluogo lombardo erano destinati ad arrivare nel Salento. A Bari, però, il loro viaggio è stato interrotto dagli agenti della squadra di polizia giudiziaria compartimentale che, nel corso di controlli a bordo del treno, hanno fermato la coppia in possesso di 1 chilo e 230 grammi di cocaina. Purissima.

Agli arresti sono finiti  ieri pomeriggio un 56enne di Melissano, Mario Rosafio e di un boliviano di 32 anni, Rodrigo Ahumada Mendez. E pensare che durante i controlli avrebbero detto alla polizia, non riuscendo  trattenere un certo nervosismo, che quell'involurco conteneva “liquirizia bianca”, ma era, come detto, cocaina purissima, il cui  valore sul mecato della droga ammonterebbe oltre 700mila euro.

Oltre allo stupefacente, gli agenti della polizia ferroviaria hanno sequestrato a carico di Rosafio due telefoni cellulari, la somma di 1000 euro e un pc portatile.   Grazie alla collaborazione del personale del Compartimento di polizia ferroviaria di Milano e del Posto polizia ferroviaria di Lecce, sono poi scattate le perquisizioni nelle rispettive abitazioni, che hanno permesso di fare emergere ulteriori elementi utili alle indagini. E che potrebbero aiutare gli investigatori a ricostruire la filiera del traffico di cocaina, destinata al Salento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiume di cocaina nel Salento. Spacciata per "liquirizia bianca"

LeccePrima è in caricamento