Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Furti in casa dell’assessora regionale e di un finanziere: due fratelli nei guai

Un 52enne e un 31enne, entrambi del Barese, sono stati arrestati all’alba di oggi dalla squadra mobile. Sono ritenuti i ladri che, nel gennaio del 2019, avrebebro perpetrato due maxi furti a Lecce

LECCE – Due fratelli nei guai: sono i presunti autori dei furti negli appartamenti dell’assessora regionale Loredana Capone e di un brigadiere della guardia di finanza di Lecce. Ciro D’Asta, 52enne residente a Bari e Francesco D’Asta, 31enne di Modugno, sono stati infatti arrestati all’alba di oggi dalla squadra mobile di Lecce, in collaborazione con i colleghi della questura barese. Nei loro confronti è stata emessa una ordinanza di custodia cautelare dalla Procura della Repubblica del capoluogo salentino per due furti messi a segno il 5 gennaio del 2019 e poi cinque giorni dopo.

Il primo colpo nell’abitazione dell’esponente della giunta regionale, in via Vecchia San Pietro in Lama, dove i due fratelli sarebbero giunti a bordo di un’Audi. Dopo aver forzato la porta-finestra della cucina, avrebbero fatto razzia di argenteria, preziosi e diversi altri oggetti, approfittando della vigilia del giorno di festa, quando l’intera famiglia era fuori  casa. Cinque giorni dopo, inoltre, i due sarebbero tornati nel Salento per perpetrare un altro colpo, questa volta ai danni di un militare delle fiamme gialle del comando provinciale. Copione identico: stessa vettura per raggiungere l’appartamento, nella zona di via Don Bosco, i danni alla finestra della camera da letto per ricavarsi un varco e saccheggiare monili e altra refurtiva per un valore di circa tremila euro.

In entrambi i casi, i luoghi sono stati raggiunti dagli agenti di polizia e dai colleghi della Sezione scientifica per i rilievi e la ricerca di tracce utili. Il personale della squadra mobile, coordinato dal vicequestore Alessandro Albini, ha da subito recuperato i filmati del sistema di videosorveglianza installato nei pressi di una chiesa di fronte all'ingresso dell'abitazione della famiglia dell’assessora. I dispositivi hanno immortalato l’azione dei ladri, intorno alle 17 del pomeriggio: il modello della vettura utilizzata dai fratelli D'Asta è stato infatti ripreso. I due fratelli si sarebbero poi messi al lavoro un paio d’ore più tardi, intorno alle 19.

Uno degli arrestati, con busta in plastica e una federa in mano è stato poi visto salire bordo dell’auto, con il bottino nascosto nella stoffa. Il conducente dell'Audi sarebbe passato da quel punto più volte, per “sorvegliare” la zona durante il furto e assicurare il ruolo di "palo". Il numero di targa dell’Audi corrisponde anche a quello immortalato nel secondo furto, messo a segno ai danni del finanziere. Nel pomeriggio del 10 gennaio, infatti, le videocamere hanno incastrato nuovamente i due. Altri elementi investigativi si sono poi sommati al puzzle, completandolo: l’analisi del traffico telefonico, sulla scorta delle celle telefoniche agganciate dalle utenze dei due fratelli, ha fatto il resto. Gli orari erano perfettamente coincidenti e  sono finiti nei guai. Entrambi i famigliari, al termine dell’attività investigativa, sono stati infatti sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni. Per loro previsto anche il cosiddetto braccialetto elettronico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in casa dell’assessora regionale e di un finanziere: due fratelli nei guai

LeccePrima è in caricamento