Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Diso

Scoperta annerita la porta del chiosco nell'insenatura di Acquaviva

Quasi certamente si è trattato di un atto doloso, ma senza un movente chiaro, quello ai danni del bar "Cala 71"

MARITTIMA (Diso) – Il danno in sé è stato esiguo. Le fiamme si sono spente da sole. Resta il gesto, però, che ha lasciato stupiti e inquieti anche altri gestori di lidi della zona, perché quasi certamente si tratta di un atto doloso, un danneggiamento che non sembra avere un movente preciso.

E’ successo nella notte, o alle prime ore del giorno, nell’insenatura di Acquaviva, marina di Marittima (territorio di Diso), una località paradisiaca a breve distanza da Castro e Andrano. In tarda mattinata, i gestori del chiosco bar “Cala 71”, che si trova proprio al centro dell’insenatura, a pochi metri dal tratto di mare frequentato ogni estate da migliaia di bagnanti fra turisti e salentini, hanno trovato la porta del bar (che ha anche un terrazzino sul quale vengono collocate sedie a sdraio) annerita.

Forse è stato usato liquido infiammabile, o spazzatura di plastica data alle fiamme. Un atto vandalico fine a se stesso? Al momento non si sa. Sul posto si sono recati i carabinieri dipendenti dalla compagnia di Tricase per un sopralluogo e per raccogliere eventuali dichiarazioni e testimonianze. Il danno, come detto, non è stato elevato, di sicuro non tale da pregiudicare le attività.  Il fatto non è però passato inosservato anche agli altri titolari di attività commerciali. La voce, su quanto avvenuto, s’è sparsa in fretta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta annerita la porta del chiosco nell'insenatura di Acquaviva

LeccePrima è in caricamento